Afghanistan, Massoud: "Nessuna resa, guerra inevitabile se Talebani rifiutano dialogo"

·1 minuto per la lettura

Nessuna resa, ok ad un governo inclusivo con la partecipazione dei Talebani, ma la guerra sarà "inevitabile" se i militanti islamici rifiutano il dialogo. Sono i concetti ribaditi da Ahmed Massoud, figlio del 'Leone del Panshir' ucciso dai Talebani il 9 settembre del 2001, due giorni prima degli attacchi alle Torri gemelle, in un'intervista ad al Arabiya. "Abbiamo affrontato l'Unione Sovietica, saremo in grado di affrontare i Talebani", ha detto, dopo che i militanti hanno dato questa mattina un ultimatum di 4 ore perché la Valle del Panshir, ultimo nucleo della resistenza, si arrenda.

Il figlio di Ahmed Shah Massoud ha poi ribadito di essere pronto a perdonare gli assassini di suo padre se questa è la condizione per la pace e la sicurezza in Afghanistan, tornando a chiedere la formazione di un governo inclusivo. Ma se i Talebani rifiuteranno il dialogo, la guerra sarà "inevitabile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli