Afghanistan: Miccio (Emergency), 'ospedale Kabul pieno, popolazione si è sentita tradita'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 18 ago. (Adnkronos) – "L'ospedale Emergency di Kabul oggi è pieno. Continuano ad arrivare decine di persone con ferite da arma da fuoco e da mine antiuomo. Però, dall'osservatorio dei nostri ospedali, non solo di Kabul ma anche nelle altre zone, possiamo dire che la situazione è abbastanza tranquilla. Le donne continuano a venire a lavorare, anche senza burqa. Anche se gli afghani si sentono traditi dagli occidentali per l'abbandono avvenuto in meno di 24 ore". A parlare, in una intervista esclusiva all'Adnkronos, è Rossella Miccio, la Presidente di Emergency, che segue da vicino gli sviluppi in Afghanistan dopo la presa dei talebani.

"Stiamo ricevendo dei feriti da Lashkar Gah", la capitale della provincia di Helmand nel Sud dell'Afghanistan, "prevalentemente persone che vengono ferite da mine e ordigni inesplosi, anche se non si combatte più attivamente. A Kabul la situazione mi sembra abbastanza tranquilla. Abbiamo ricevuto una trentina di pazienti ieri".

I feriti di ieri sono stati colpiti da arma fuoco "perché nel paese ci sono ancora tantissime armi, e uno dei problemi reali è proprio la gestione indiscriminata di queste armi, non si sa chi le detiene o chi le gestisce". Due giorni fa sono arrivati invece i morti dall'aeroporto di Kabul. Quattro in tutto. Ferite da arma da fuoco, come spiega la presidente Miccio "perché le forze dell'ordine avevano sparato per ripotare la calma", "da noi non sono arrivati coloro che erano caduti dal carrello dell'aereo militare".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli