Afghanistan: Miccio (Emergency), 'ospedale Kabul pieno, popolazione si è sentita tradita' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Ma oggi come è la situazione? "Diciamo di sospensione… – risponde Rossella Miccio – c'è tantissima incertezza, stiamo aspettando di capire come si evolverà la situazione. Perché ci sono ancora delle zone piccole nel paese ma molto importanti, come il Panshir che non sono state ancora prese dai talebani su cui sono puntati tutti gli occhi, in questo momento. Noi ci teniamo pronti per tutte le evenienze".

Emergency come ha vissuto la presa di Kabul? "Sicuramente c'era tantissima paura da parte, soprattutto, dello staff afghano, alimentata non solo dal ritiro anticipato delle truppe internazionali ma anche dall'abbandono del Presidente afghano e dall'evacuazione di tutto il personale delle ambasciate occidentali. Le persone erano veramente smarrite, vedevano che tutti quelli che gli avevano promesso di tutelarli sono scappati, e questo ha generato un panico incontrollato".

Sulla decisione di alcune ambasciate che hanno abbandonato il posto senza neppure avvertire i collaboratori afghani, Rossella Miccio è molto critica: "Davvero faccio fatica a carpirla, mi sembra davvero un venir meno di un impegno preso con la popolazione. Oltre che un'ammissione di sconfitta totale e il non avere capito nulla di cosa fosse questo paese e di come stare vicino alla popolazione e come aiutarla". La Presidente parla di "tradimento", come il medico afghano appena arrivato a Roma da Kabul.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli