Afghanistan: Miccio (Emergency), 'ospedale Kabul pieno, popolazione si è sentita tradita' (4)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – E sul burqa e il suo utilizzo, Rossella Miccio spiega: "Io ci ho vissuto tanto in Afghanistan, e posso dirvi che il burqa è l'ultimo dei problemi. E' più un simbolo che noi occidentali utilizziamo per parlare dei diritti delle donne e non il problema reale. Il problema è verificare quanto questa disponibilità dei talebani a garantire i diritti alle donne nella pratica sia realizzabile. Quanto potranno andare a scuola e lavorare eccetera. Noi cercheremo di monitorarlo e fare il possibile affinché venga garantito. Sarebbe importante un impegno grosso della diplomazia occidentale per tutelare i diritti delle donne".

"Ad oggi anche le nostre colleghe afghane ci hanno detto che nessuno ha chiesto o imposto nulla spiega – Alcune continuano a venire anche senza burqa, con il velo, che hanno sempre portato in questi anni. Diciamo che non collego il burqa al talebano. Bisogna vedere cosa accadrà nella pratica. Nonostante il Presidente sia scappato ci sono altri esponenti del governo in paese, che sono rimasti al loro posto. Come il ministro della Salute. Diciamo che è una situazione fluida, molto diversa dal 1996, quando sono arrivati i talebani. Per noi la priorità è tutelare la popolazione civile delle afghane e degli afghani".

Come vede Emergency il futuro prossimo in Afghanistan? "L'area che ci preoccupa di più è quella del Panshir, sappiamo della inimicizia decennale con i talebani. Sappiamo che ci sono in corso discussioni interne nei gruppi afghani. Noi abbiamo lì un ospedale. Conosciamo benissimo la popolazione e i bisogni. E quella zona ci preoccupa di più, perché nel resto del paese i combattimenti sono cessati, c'è una situazione di calma temporanea. E noi siamo lì per stare accanto agli afghani…". (di Elvira Terranova)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli