Afghanistan: Moretti, '7 donne messe in salvo, lavoriamo per quelle che restano'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 ago. (Adnkronos) – "Qualche giorno fa, vi parlavo del mio tentativo di salvare due giovani attiviste afghane. Da quando mi hanno contattata i loro parenti che vivono e lavorano in Italia, non mi sono più fermata e oggi le donne che stiamo cercando di aiutare sono decine. Tra queste 7 sono state portate in salvo nell'area militare italiana dell'areoporto di Kabul, grazie al lavoro infaticabile del nostro team della Difesa e degli Esteri". Così l’eurodeputata del Pd Alessandra Moretti su Facebook.

"In particolare, in questi giorni il Console a Kabul Tommaso Claudi mi ha fornito tutte le informazioni necessarie a condurre le ragazze vicino al Gate da cui poi sono state prelevate. Stanotte, dalle 3 alle 7 di mattina, sono rimasta in contatto con Rahila e le sue due sorelle di 18 e 22 anni, inviandole indicazioni, mappe, vocali, foto. Ho cercato di sostenere le ragazze psicologicamente: erano sole, terrorizzate, sotto gli spari e le minacce di chi cercava di disperdere la folla. Ma, nonostante la tragicità della situazione, alle 7 di questa mattina Rahila mi ha scritto: 'I came in. Yes, I succeeded'.

"Ad oggi sono sette le giovani donne, molte di queste con figli minori, che abbiamo portato al sicuro. Io continuerò a lavorare così fino alla fine; fino a quando ci consentiranno di tenere aperto e operativo l'areoporto. Dobbiamo salvare più persone possibile ma dobbiamo anche lavorare per non abbandonare chi resterà in Afghanistan perchè non riuscirà a mettersi in salvo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli