Afghanistan: Noja (Iv), 'Bernardo usa sofferenza profughi per propaganda folkloristica'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 ago. (Adnkronos) – "Ci prepariamo ad accogliere profughi dall'Afghanistan, donne e bambini che scappano da un inferno e il candidato del centrodestra, Bernardo, invece che proporre soluzioni, usa queste persone disperate come strumento per una bieca polemica politica. Proponendo di far sgomberare i Centri sociali per accogliere i profughi dimostra cinica spregiudicatezza e ignoranza”. Così la deputata di Italia Viva Lisa Noja, candidata per la lista I Riformisti a Milano.

“In pratica prospetta una scelta assurda, nel merito e nei tempi che sono urgenti. Evidentemente – sottolinea – non sa nemmeno di cosa parla, visto che i centri sociali o non sono affatto abusivi o occupano immobili privati, che quindi non potrebbero essere requisiti dal Comune e poi usati liberamente per altri scopi”.

“Da chi si candida ad amministrare una città come Milano, si attenderebbero idee serie, degne della gravità delle questioni di cui si sta parlando, che riguardano uomini e donne in fuga dal pericolo di vita, stremati e costretti ad abbandonare ogni cosa per mettersi in salvo. E la consapevolezza che per accoglierle degnamente occorre esperienza e conoscenza. Perché non si tratta di prendere uno spazio a caso in cui ammassare le persone, ma di aiutare con competenza e umanità chi ha dovuto abbandonare ogni cosa a superare un trauma terribile. Quello che invece proprio non ci si aspetta da un candidato sindaco – conclude Noja – è propaganda folkloristica che usa la sofferenza dei profughi afghani per alimentare gratuitamente polemiche su un argomento che non c’entra nulla. Un mix di improvvisazione e cinismo agghiacciante”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli