Afghanistan, Oms ha scorte mediche sufficienti solo per una settimana

·1 minuto per la lettura
Il logo dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) a Ginevra, in Svizzera

CAIRO (Reuters) - L'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha in Afghanistan scorte sufficienti solo per una settimana, dopo il blocco delle consegne di attrezzature mediche all'aeroporto di Kabul, ha reso noto un alto funzionario regionale dell'Oms.

L'agenzia delle Nazioni Unite teme che i disordini in Afghanistan possano condurre a un picco di infezioni di Covid-19. I test per il virus sono calati del 77% la settimana scorsa, secondo quanto affermato dai funzionari Oms della divisione nel Mediterraneo orientale.

I funzionari Oms hanno detto, durante un briefing online, che il 95% dei siti sanitari in Afghanistan sono rimasti operativi, anche se alcuni membri femminili del personale non sono rientrati al lavoro. Inoltre, alcuni pazienti di sesso femminile temono di uscire di casa.

Le consegne di oltre 500 tonnellate di attrezzature mediche, che includono strumenti chirurgici e kit per soggetti gravemente malnutriti, sono state trattenute a causa delle restrizioni presso l'aeroporto di Kabul, ha detto l'Oms.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Roma Giselda Vagnoni)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli