Afghanistan, Onu: 1.366 civili morti nel 2019, ritmo inaccettabile -2-

Coa

Roma, 30 lug. (askanews) - Un terzo delle vittime è rappresentato da bambini (327 morti e 880 feriti) ed è causato da ordigni inesplosi con cui i piccoli afgani vengono a contatto ignari del pericolo. Sempre più civili, poi, sono stati uccisi sia dalle forze filo-governative che dai gruppi ribelli (717 morti contro 531), in gran parte a causa degli attacchi aerei afgani e statunitensi, secondo l'Onu.

Le forze filo-governative, secondo i dati Onu citati da Afp, hanno causato il 31% di vittime civili in più nella prima metà del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018, quando quelle attribuite ai vari gruppi ribelli - principalmente i talebani e il gruppo dello Stato islamico - sono diminuite del 43%, a causa di un calo del numero degli attentati suicidi e di attacchi complessi. (Segue)