Afghanistan, Onu: "60% sfollati sono bambini"

·1 minuto per la lettura

Sono bambini quasi il 60% degli afghani che nel 2021 sono stati costretti a lasciare le loro case. Lo rivelano i dati diffusi dall'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (Unocha) in Afghanistan, secondo cui oltre 400mila persone sono state registrate come sfollate dall'inizio di maggio, quando si sono intensificati i combattimenti nel Paese, mentre sono quasi 550mila gli sfollati da inizio anno.

"Oggi, circa 10 milioni di bambini in Afghanistan hanno bisogno di assistenza umanitaria per sopravvivere. Si stima che un milione di bambini soffriranno di malnutrizione acuta grave quest’anno e, senza cure, potrebbero morire. Un numero stimato di 4,2 milioni di bambini non vanno a scuola, fra cui oltre 2,2 milioni di bambine. Da gennaio, le Nazioni Unite hanno registrato oltre 2.000 violazioni gravi dei diritti dei bambini. Circa 435.000 bambini e donne sono sfollati interni" ha detto in una nota la direttrice dell'Unicef, Henrietta Fore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli