Afghanistan: padre ferito bloccato in casa con famiglia, Fratelli S. Francesco al lavoro per salvarli

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano 24 ago. (Adnkronos) – Il padre è uscito per cercare del cibo per la moglie e i cinque figli minorenni, ma è stato ferito dai talebani e ora fatica a respirare, bloccato in casa a Kabul con la famiglia. Per aiutarli a mettersi in salvo fuori dal Paese si è messa all’opera una onlus milanese, la Fondazione Fratelli di San Francesco d'Assisi, che qualche anno fa aveva accolto i due figli maschi maggiori della coppia, poi trasferiti a Londra.

Con i piccoli, che per un periodo hanno vissuto a Milano presso l’associazione, Fratelli di San Francesco è rimasta in contatto, mediando anche tra loro e il resto della numerosa famiglia (7 i figli, oltre i due maschi maggiori, tre femmine e altri due maschi) rimasto a Kabul, dove il padre ha lavorato come interprete e collaborato con gli occidentali.

La onlus milanese all’Adnkronos si dice “preoccupatissima” della situazione della famiglia e attraverso il centro di crisi del governo, sta lavorando per portarli in salvo in Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli