Afghanistan: Pangea, 200 persone tra dipendenti e famiglie, in gran parte imbarcate

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano 23 ago. (Adnkronos) – È formato in totale da circa 200 persone il gruppo di afghani che fa riferimento alla onlus milanese Pangea, che dopo lunghe attese fuori dall’aeroporto di Kabul si sta ora imbarcando sui voli che li metteranno in salvo.

Si tratta di una trentina di donne impiegate negli uffici di Pangea a Kabul, accompagnate da mariti, figli e altri parenti. La maggior parte di queste 200 persone – a quanto apprende Adnkronos dalla onlus – è già riuscita a imbarcarsi, altre stanno effettuando le procedure in questi minuti.

Dovrebbero arrivare tra domani e dopo domani a Roma, dove osserveranno il periodo di quarantena. “Dopo inizierà la gestione delle richieste d’asilo e vedremo come fare”, fa sapere Pangea.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli