Afghanistan: Partito radicale, Onu e Ue agiscano con fermezza (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni unite -chiede ancora il Partito radicale- ribadisca che la Corte penale internazionale, di cui l’Afghanistan fa parte, è tenuta a perseguire -anche nelle attuali circostanze- i crimini di guerra e le altre atrocità che costituiscono crimini contro l’umanità".

"L'Unione europea e gli Stati Uniti, attualmente maggiori donatori in Afghanistan, subordinino ogni sostegno e riconoscimento, alle istituzioni che dovessero affermarsi con la forza a Kabul, al mantenimento dei diritti delle donne sanciti dalla Costituzione dell'Afghanistan, dalla legislazione nazionale e dal diritto internazionale, nonché al rispetto in concreto della parità di condizioni delle donne e al loro accesso all'istruzione e al lavoro, subordinandovi la revoca di sanzioni contro i Talebani".

"Tutti gli attori del processo negoziale di Doha -conclude la nota del Partito radicale- richiedano prioritariamente che a tutte la parti in conflitto sia consentito l’accesso a 'corridoi umanitari' e che, al termine del processo di transizione al potere, in Afghanistan sia prevista l’indizione di libere ed eque elezioni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli