Afghanistan: De Petris, 'esercitare ogni pressione per aiutare donne'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 ago. (Adnkronos) – "La prima Conferenza sulla parità di genere organizzata dal G20 si apre in un momento tragico. Non possiamo nasconderci la realtà: per le donne afghane si profila un ritorno indietro non di decenni ma di secoli. I segnali che arrivano dall'Afghanistan contraddicono nella maniera più drammatica le parole parzialmente rassicuranti dei Talebani subito dopo la presa di Kabul”. Lo afferma la capogruppo di Leu al Senato, Loredana De Petris.

“Denunciare questo scempio non basta. Bisogna adoperarsi attivamente, con tutti i mezzi, esercitando ogni pacifica pressione possibile, per aiutare le donne afghane e impedire che siano costrette in una condizione medievale o peggio. Per questo è necessario che si muovano tutti i Paesi del G20 ed è nostro dovere dialogare con tutti alla ricerca di un accordo in grado di pesare e condizionare i Talebani. Ma è anche necessario che sia istituito subito un fondo di sostegno per le associazioni che, con grande coraggio, si battono oggi per difendere le donne afghane e cercare di sottrarle al giogo dell'integralismo e della misoginia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli