Afghanistan: Picierno, 'al centro agenda Ue programma protezione donne afghane'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 set. Adnkronos) – "Occorre monitoraggio per evitare vendette su attiviste rimaste in patria”. Così Pina Picierno, europarlamentare del Partito Democratico, nella Commissione per i diritti delle donne e l'uguaglianza di genere del Parlamento Europeo.

“In queste ore le donne afghane coraggiosamente sono scese in piazza per chiedere diritti, parità, lavoro e la possibilità di non abbandonare i percorsi intrapresi durante gli anni passati. La repressione come sappiamo si è abbattuta su di loro in particolare nelle province, fuori da Kabul. Oltre alla scontata solidarietà credo che sia opportuno in questa fase di transizione mettere al centro dell’agenda europea un programma di protezione internazionale per le donne afghane, chiedendo a tutti gli attori internazionali un monitoraggio costante che attivi anche dei corridoi umanitari per evitare azioni di vendetta sulle attiviste rimaste in patria".

"Troppo spesso è mancata una voce compatta in materia di difesa comune europea, invertiamo la tendenza partendo dai diritti delle donne afghane che con il loro coraggio ci chiedono di non lasciarle sole. Non possiamo e non dobbiamo lasciarle sole, anche quando i Talebani cercheranno dialogo e accordi commerciali”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli