Afghanistan: Prodi, 'democrazia si costruisce non si impone con guerra'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 ago. (Adnkronos) – "Per costruire le istituzioni democratiche in un Paese ci vogliono tempo, pazienza, fiducia e convinzione. I miracoli non li fa nessuno. Quel che è certo è che si ritarda la costruzione della democrazia imponendola con la guerra". Lo ha detto l'ex presidente del Consiglio Romano Prodi nel corso di un'intervista rilasciata a Radio Immagina a margine della Festa Nazionale dell'Unità in corso di svolgimento a Bologna.

"Nessuno -ha aggiunto Prodi- può negare che in questi vent'anni in Afghanistan ci siano stati dei passi avanti, degli elementi di progresso, pensiamo alle scuola, alla sanità, ai diritti delle donne. Ma questi elementi di progresso non sono stati assorbiti. La democrazia si esporta con la democrazia, si costruisce con la fatica della ragione, come abbiamo fatto in Europa al tempo dell'allargamento ai Paesi ex sovietici".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli