Afghanistan: Renzi, 'nuova coalizione contro terrorismo, Draghi promuova iniziativa in G20'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 ago. (Adnkronos) – "Abbiamo chiesto al presidente del Consiglio, Mario Draghi, la cui autorevolezza è fuori discussione, di farsi promotore di un'iniziativa: il 30 e il 31 ottobre a Roma si terrà il G20, è la prima volta che si tiene in Italia, la prossima volta sarà nel 2041. E' una grande chances per tutti noi, va inscritto all'ordine del giorno un punto fondamentale, sottolineare l'importanza di una nuova coalizione contro il terrorismo internazionale". Lo ha affermato Matteo Renzi, nel corso di una diretta Facebook dal suo ufficio al Senato.

"E' un elemento difficile e importante -ha aggiunto l'ex premier- che ruolo giocherà la Cina o la Russia dentro questo forum del G20, ma nel momento in cui l'Occidente ha fallito noi abbiamo il dovere come italiani di prendere un'iniziativa e di fare del G20 romano il luogo nel quale tornare a discutere di queste cose. Ovviamente questo non basta per l'immediata attualità" relativa all'Afghanistan, "c'è bisogno che si creino corridoi umanitari, c'è bisogno che tutte le persone che hanno collaborato con gli occidentali siano messe in salvo, che a tutti i livelli internazionali, a cominciare dalla Nazioni unite, si garantiscano i diritti umani di chi, fidandosi dell'Occidente, ha vissuto questi venti anni in un modo che i Talebani non accettano".

"Ma accanto a questo c'è bisogno di tornare a fare politica: per questo sono qui a chiedere alle forze politiche di non continuare a litigare su un tweet, su un post, di avere la forza, il coraggio di una grande discussione politica su questi temi. C'è bisogno di una discussione politica vera, non da populisti, sul futuro della politica estera di questo pianeta. L'Italia ha una chances: la leadership di Draghi e il G20. Siamo all'altezza di questa sfida -ha concluso Renzi- e facciamo sì che il Parlamento possa discutere di questi temi. Ciò che sta avvenendo in Afghanistan non può soltanto commuovere i nostri cuori, deve anche far muovere finalmente i nostri passi, nella direzione di un'Europa più forte e di un pianeta più capace di rispettare i grandi valori dell'uomo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli