Afghanistan: Ripamonti (centro Astalli), ‘Italia ed Europa ascoltino grido della popolazione’ (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Per i profughi, una volta terminato il periodo di quarantena – fa sapere il presidente – “metteremo a disposizione tutta l’esperienza del Centro Astalli e collaboreremo nel loro inserimento e integrazione, consapevoli del fatto che questa situazione di emergenza è stata molto repentina e quindi bisognerà anche mettere in atto tutta una serie di accompagnamenti psicologici”.

Sono tanti i profughi afghani che il Centro Astalli ha assistito negli ultimi anni e che ora si rivolgono al Servizio dei Gesuiti per esprimere “preoccupazione e apprensione” per i loro cari rimasti nel Paese, con cui hanno difficoltà a comunicare. A questo si aggiunge la “difficoltà a capire cosa realmente sta stia succedendo in Afghanistan e come evolveranno le cose”.

L’auspicio di padre Ripamonti è che anche dopo il 31 agosto “possa continuare la possibilità di creare dei ponti aerei e di accogliere soprattutto le situazioni più a rischio, donne e persone che hanno collaborato con i vari governi occidentali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli