Afghanistan, ripresa dei negoziati tra Usa e i talebani -2-

Fco

Roma, 22 ago. (askanews) - L'incontro si tiene sullo sfondo dello spargimento di sangue in Afghanistan: due soldati americani sono stati uccisi ieri, una decina di esplosioni ha scosso lunedì la città di Jalalabad (est) e il bilancio di un attacco kamikaze contro un ricevimento di nozze rivendicato dallo Stato Islamico, sabato a Kabul, ha superato gli 80 morti.

Gli Stati Uniti si sono detti pronti, ieri, a mettere fine ai negoziati. L'accordo auspicato dovrebbe prevedere il ritiro di oltre 13mila soldati americani dall'Afghanistan, con un calendario definito. È la principale richiesta dei talebani, che in cambio si impegnerebbero a impedire che i territori che controllano possano essere utilizzati dalle organizzazioni "terroristiche". Un cessate-il-fuoco tra ribelli e americani, o almeno una "riduzione della violenze", dovrebbe inoltre essere compreso nel testo, che sarebbe storico 18 anni dopo l'invasione americana dell'Afghanistan per estromettere i talebani dal potere all'indomani degli attacchi dell'11 settembre 2001. (Segue)