Afghanistan: Scavuzzo, ‘Milano disponibile per accoglienza profughi, ma no a fughe in avanti’ (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – I numeri non si conoscono (“in questo momento – sottolinea la vicesindaco – non so dire se ci prepariamo ad accogliere 35 profughi o 3.500 e quindi se saranno necessarie delle palestre con delle brandine della Protezione civile oppure se avremo bisogno di avere delle accoglienze strutturate), ma le questioni da affrontare sono molteplici. “Sulla base dell’esperienza che abbiamo maturato in questo ultimo anno e mezzo stiamo valutando anche la risposta dal punto di vista dell’approvvigionamento del cibo, oltre che della gestione delle strutture in cui si farà l’accoglienza”, spiega Scavuzzo, assicurando che “grazie a un tessuto sociale fatto di famiglie, di esercizi commerciali, di associazioni, di comitati, di parrocchie, di terzo settore organizzato in città abbiamo tanti soggetti attivi e bisognerà capire come verranno ingaggiati”.

C’è poi da affrontare una questione di diritto, che ha conseguenze pratiche sul tipo di strutture da attivare: “Bisogna vedere se li incanaliamo come asilanti o rifugiati politici. Sono questioni che spero non verranno considerate solamente in coda, perché non sono irrilevanti per chi sta pianificando l’accoglienza: che tipo di documenti assegneremo, che tipo di assistenza sanitaria? C’è anche un tema di quarantena e sicuramente ci saranno minori non accompagnati”.

Milano senza “buttare via l’esperienza degli anni scorsi”, non ha intenzione – dice la vicesindaco – di “agitarsi per fare la prima della classe”, ma è “ben disponibile a fare la propria parte in un sistema di accoglienza nazionale coordinato”. Anche nel caso venissero attivati corridoi umanitari, per i quali “la disponibilità migliore che possiamo dare, al di là di un’adesione a una riflessione, è nella risposta pragmatica di collaborazione”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli