Afghanistan: serie di bombe nel Giorno dell'Indipendenza

Una decina di esplosioni hanno colpito la città di Jalalabad, nell'est del Paese, facendo una sessantina di feriti

  • Serena Grandi: "Mi hanno rovinato la vita, mia grande bellezza è svanita''
    Salute
    Adnkronos

    Serena Grandi: "Mi hanno rovinato la vita, mia grande bellezza è svanita''

    (di Alisa Toaff) "Mi hanno rovinato la vita, la mia grande bellezza è svanita''. Serena Grani ospite oggi a 'I Fatti Vostri' torna a parlare del suo tumore al seno. E rivela: "Volevo fare e ho fatto un intervento estetico alla pancia perché dopo una gravidanza importante volevo sistemarla un po' -ha detto l'attrice- poi hanno deciso di fare un lifting al seno ritardando così la diagnosi perché quando hanno aperto non c'era un fiore ma un carcinoma di 5 centimetri di cui non sapevo nulla. "Erano loro che dovevano saperlo e vederlo non io -ha detto la Grandi- io faccio l’attrice. Nonostante la mia prevenzione, faccio esami ogni anno, non era apparso questo problema e così ho deciso di affidarmi all'avvocato Bruno Sgromo per tutelarmi e ne sono felice''. L'ex regina della commedia sexy degli anni Ottanta e Novanta spiega poi che chi le ha fatto l’intervento al seno che era ''un po' sceso'', ha sottolineato, ha aperto e richiuso ma ''il grasso non scendeva perché c’era il carcinoma che spingeva su''."C'è stata una mancata diagnosi con un ritardo di undici mesi - spiega il legale all'Adnkronos - Lei è andata è andata a fare un intervento di chirurgia estetica che incideva su 5 siti chirurgici ma non hanno fatto degli accertamenti diagnostici preoperatori che solitamente vanno fatti in queste situazioni. Se li avessero fatti si sarebbero accorti che aveva una massa tumorale. L'ha scoperto (Serena Grandi, ndr) undici mesi dopo quando si è recata all'ospedale a Sant'Arcangelo di Romagna a fare un controllo e le dissero che aveva una tumefazione, peraltro al terzo stadio''.  All'ospedale, prosegue il legale, ''sono immediatamente intervenuti, hanno asportato il seno con un intervento molto invasivo: asportazione totale della mammella fino alle ghiandole ascellari. Ora si spera che abbia risolto perché c'è sempre il pericolo di una recidiva''. Da un punto di vista legale "andremo a richiedere il risarcimento del danno che è stato valutato biologico, poi c'è il danno psichico, la perdita di capacità lavorativa generica e il danno estetico che incide tanto per chi lavora nel mondo dello spettacolo''. ''A breve depositeremo gli atti, sono state fatte varie relazioni, ha partecipato un medico legale, un chirurgo, più medici specialisti perché abbiamo voluto fare le cose per bene. La denuncia penale la Grandi non l'ha voluta fare quindi abbiamo chiesto il risarcimento dei danni'', tiene a precisare l'avvocato della Grandi.

  • Il fidanzato di Stefania Pezzopane si è cancellato dai social e ha rivelato di avere dei problemi
    Notizie
    notizie.it

    Il fidanzato di Stefania Pezzopane si è cancellato dai social e ha rivelato di avere dei problemi

    Simone Coccia ha rivelato che starebbe vivendo un periodo complicato ed è tornato sui social per tranquillizzare i suoi fan.

  • Coronavirus: vittime, contagi e tutte le novità sulla Fase 2
    Politica
    Yahoo Notizie

    Coronavirus: vittime, contagi e tutte le novità sulla Fase 2

    Gli aggiornamenti in tempo reale sull'emergenza coronavirus in Italia.

  • Bolsonaro: "Spiace per vittime di coronavirus, ma moriremo tutti"
    Politica
    Yahoo Notizie

    Bolsonaro: "Spiace per vittime di coronavirus, ma moriremo tutti"

    "Mi dispiace per le vittime di Covid ma moriremo tutti". Così il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, conversando con alcuni suoi sostenitori davanti al palazzo presidenziale di Brasilia.

  • Daniele Novara dice no a mascherina e distanziamento per bambini
    Notizie
    Askanews

    Daniele Novara dice no a mascherina e distanziamento per bambini

    Per il pedagogista così è impossibile fare scuola o centri estivi

  • Notizie
    Askanews

    Putin dichiara stato di emergenza per petrolio nell'Artico

    In un fiume 20.000 tonnellate di petrolio

  • Morgan ancora una volta contro la sua ex, figlia di Dario Argento
    Spettacolo
    notizie.it

    Morgan ancora una volta contro la sua ex, figlia di Dario Argento

    Morgan di nuovo contro Asia Argento: il musicista ha rivelato alcuni retroscena sulle loto liti all'interno della sua autobiografia.

  • Scienza
    AGI

    Scoperta in Messico la più antica struttura monumentale dei Maya

    AGI - Si chiama Aguada Fénix, è la più antica e più grande struttura monumentale della civiltà Maya e si trova nel sottosuolo di Tabasco, in Messico. Questa la scoperta riportata sulla rivista Nature dagli archeologi dell'Università dell'Arizona, che hanno raccolto dati con un sondaggio aereo utilizzando il metodo Light Detection and Ranging o Laser Imaging Detection and Ranging (LIDAR), un telerilevamento laser che riproduce una mappa 3D della superficie sottostante. "Abbiamo sempre pensato che la popolazione Maya si fosse evoluta gradualmente, con piccoli villaggi emersi durante il periodo pre-classico medio, dal 1.000 al 350 a.C., ma il nostro studio ribalta questo modello", dichiara Takeshi Inomata della School of Anthropology presso l'Università dell'Arizona. Il sito, secondo i ricercatori, sarebbe costituito da una piattaforma elevata che misura 1.413 metri da nord a sud e 399 metri da est a ovest, con nove strade rialzate che si estendono dalla piattaforma.“Grazie alla datazione al radiocarbonio, abbiamo stabilito che la piattaforma risale al periodo tra il 1.000 e l'800 a.C., il che la rende la più antica struttura monumentale della civiltà Maya trovata finora”, prosegue il ricercatore, aggiungendo che Aguada Fénix presenta diversi elementi di discontinuità rispetto alle strutture rinvenute in altri siti del Messico. “Il metodo LIDAR permette di determinare la distanza di un oggetto o di una superficie utilizzando un aereo o un drone che sorvolano l'area di interesse e scansionano la zona grazie a impulsi laser, in modo che i segnali di rimbalzo generano quella che viene considerata una nuvola di dati, che viene poi elaborata al computer in un modello che riproduca il terreno”, continua Inomata, precisando che questa tecnica consente di realizzare una specie di mappa topografica della superficie, distinguendo elementi antropici da strutture geologiche. “Le immagini LIDAR ricostruite dopo un singolo volo aereo possono fornire più informazioni di quante potrebbero derivare da decenni di indagini archeologiche convenzionali. Sono stati necessari solo tre anni per mappare la struttura di Aguada Fénix, un decimo del tempo che avremmo impiegato con l'archeologia tradizionale”, commenta ancora Inomata. “Speriamo che il nostro lavoro possa gettare nuova luce sulle funzioni dell'architettura pubblica della civiltà Maya e aprire la strada a ulteriori studi”, conclude il ricercatore.

  • Jeremias, i messaggi sono indirizzati all'ex cognato?
    Notizie
    notizie.it

    Jeremias, i messaggi sono indirizzati all'ex cognato?

    Jeremias Rodriguez è rimasto accanto a Belen e sembra che sui social se la stia prendendo con Stefano De Martino.

  • Burioni: "Trovare superdiffusori per diminuire isolamento sociale"
    Salute
    Adnkronos

    Burioni: "Trovare superdiffusori per diminuire isolamento sociale"

    Diverse analisi epidemiologiche "hanno confermato che un piccolo numero di individui è responsabile per la grande maggioranza dei casi. Sono i superdiffusori. Isolare questi terribili 'superspreader' consentirebbe di controllare eventuali 'ritorni di fiamma' dell’epidemia, senza misure estreme di isolamento sociale che hanno un effetto drammatico, non solo sull’economia, ma anche sulla qualità della vita delle singole persone". Lo spiega il virologo Roberto Burioni in un articolo pubblicato sul sito 'MedicaFacts' fondato proprio dallo scienziato per la divulgazione scientifica e la lotta alle fake news.  "Una quantità spaventosa di malati di Covid-19 non ha trasmesso la malattia a nessuno! - ricorda Burioni - Certo, sono numeri piccoli e devono essere presi con prudenza, ma altre analisi epidemiologiche hanno confermato che un piccolo numero di individui è responsabile per la grande maggioranza dei casi". Sono i superdiffusori. Per spiegare questo fenomeno il virologo applica la legge di Vilfredo Pareto all'emergenza Covid-19. "L’ingegnere ed economista del secolo scorso sosteneva che la maggior parte degli effetti è dovuta a un numero ristretto di cause - evidenzia Burioni -, e potrebbe essere così anche per quest’epidemia. I contagi potrebbero essere imputabili a pochi superdiffusori". "Vilfredo Pareto studiando la distribuzione dei redditi, si accorse che in Italia il 20% delle persone possedeva l’80% delle terre. Questa osservazione - ricorda lo il virologo - ispirò la 'legge di Pareto', che in maniera empirica stabiliva che la maggior parte degli effetti è dovuta a un numero ristretto di cause". "Non mi spingo in territori che non mi competono (sperando nel contributo di esperti che vogliano chiarirci meglio le idee), ma la legge di Pareto sembra funzionare molto spesso - rimarca Burioni - il 20% dei venditori fa l’80% delle vendite, l’80% dei ricavi delle compagnie aeree e ferroviarie deriva dal 20% delle tratte più remunerative e via dicendo. Non so se questi esempi che ho trovato in Rete siano corretti, ma è poco importante ai fini di quello che voglio raccontarvi in questo articolo: nel caso del coronavirus, certamente, la maggior parte delle infezioni è dovuto a poche persone, i temibili 'superspreader', ovvero 'superdiffusori'". "Ne abbiamo già parlato, ma un recente lavoro svolto a Hong Kong ha stabilito che su 349 casi locali, ben 196 erano dovuti a sei (ripeto, 6) eventi di superspreading. Addirittura, una sola persona sembra averne infettate 7 - conclude Burioni - Proprio in questo studio si evidenzia come il 20% dei casi, tutti legati a eventi di riunione sociale, erano responsabili dell’80% dei contagi. Insomma, pare che per il Covid-19 Vilfredo Pareto ci avesse visto giusto".

  • La difesa del giovane che ha preso a calci un animale
    Notizie
    notizie.it

    La difesa del giovane che ha preso a calci un animale

    Dopo aver preso a calci un riccio, il 14enne denunciato dai Carabinieri si è difeso e ha affermato di essre dispiaciuto per quanto accaduto.

  • Rientrati da Santo Domingo 8 latitanti fuggiti ai Caraibi
    Notizie
    Askanews

    Rientrati da Santo Domingo 8 latitanti fuggiti ai Caraibi

    Prima operazione di scorta in aereo con nuove regole sanitarie

  • Clorochina, 182 scienziati contro lo studio che boccia i test
    Salute
    Adnkronos

    Clorochina, 182 scienziati contro lo studio che boccia i test

    Clinici, medici ricercatori, statistici, "un gruppo di 182 scienziati ha firmato una lettera contro l'articolo pubblicato su 'Lancet' che ha portato poi alla decisione sospendere i trial clinici su clorochina ed idrossiclorochina". A fare il punto è il biologo Enrico Bucci su Facebook. Gli scienziati hanno scritto una lettera aperta al direttore della rivista per evidenziare "le preoccupazioni relative all’analisi statistica e all’integrità dei dati" e chiedere spiegazioni su uno studio che ha indagato il legame tra il farmaco usato in via sperimentale contro il coronavirus e complicazioni cardiache.  "Tra i firmatari, vi sono persone che ritengono inefficaci quei composti, ed altri che giurerebbero che funzionano; vi sono poi persone come il sottoscritto, che ritengono che si è fatto troppo chiasso su quei composti, e che - evidenzia il docente della Temple University di Filadelfia (Usa) - questo chiasso non deve risalire fino a riviste prestigiose come 'Lancet, che devono mantenere alta la guardia e non permettere la risalita di cattiva scienza fin sulle loro pagine. Anche su Covid, nonostante l'emergenza, devono usare standard alti di integrità".  Lo studio su 'Lancet' sostiene che i pazienti Covid-19 trattati con idrossiclorochina vadano incontro a tassi di mortalità più elevati per le complicazioni cardiache dovute al farmaco. La ricerca è stata messa sotto la lente della comunità scientifica che ne ha sottolineato in dieci punti le varie criticità e incoerenze sia nella raccolta dati sia dal punto di vista metodologico.

  • Chi votò per la Monarchia: i personaggi noti
    Politica
    notizie.it

    Chi votò per la Monarchia: i personaggi noti

    Non tutti volevano la Repubblica. Molti personaggi noti, e insospettabili, votarono a favore della Monarchia.

  • Anonymous svela un retroscena sulla morte della Principessa Triste
    Spettacolo
    notizie.it

    Anonymous svela un retroscena sulla morte della Principessa Triste

    Lady Diana è stata assassinata? Un documento di Anonymous confermerebbe il controverso rumor sulla scomparsa della principessa.

  • "Assembramenti aiutano il virus, preoccupa la piazza di ieri"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    "Assembramenti aiutano il virus, preoccupa la piazza di ieri"

    "Ovunque si facciano, gli assembramenti sono un aiuto al virus" ed è "preoccupante vedere tutta questa gente senza mascherine" Lo ha detto Silvio Garattini, farmacologo e presidente Istituto ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano

  • Borracce, lo studio: rilasciano metalli nell’acqua
    Notizie
    Adnkronos

    Borracce, lo studio: rilasciano metalli nell’acqua

    Le borracce in acciaio e alluminio rilascerebbero nell’acqua quantità di metalli, ftalati e bisfenolo A ai limiti di legge. E’ quanto emerge da una ricerca del Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive dell’Università La Sapienza di Roma, commissionata da Fondazione Acqua. Lo studio della Sapienza, primo nel suo genere perché incentrato sul rilascio chimico-fisico di elementi dalle borracce, mentre sino ad ora erano stati valutati solo gli aspetti batteriologici, è stato condotto su 20 tipologie di borracce differenti, acquisite tramite i principali rivenditori e sul mercato elettronico, e ha permesso di ottenere più di 24.000 risultati analitici, che hanno consentito di valutare (mediante simulazione d’uso con un’acqua test demineralizzata) le possibili cessioni di 40 elementi inorganici (metalli, semimetalli e non metalli) e di 7 composti organici (6 ftalati e Bisfenolo A). I risultati ottenuti hanno mostrato assenza di cessione di composti organici dalle borracce in plastica e, al contrario, fenomeni di cessione di elementi inorganici da tutte le borracce testate. Si parla di fenomeni molto variabili tra le diverse tipologie di borracce e spesso caratterizzati da cessioni multielemento anche di alluminio, cromo, piombo, nichel, manganese, rame, cobalto, ecc.  Va chiarito che la quantità di metalli, semimetalli, non metalli, ftalati e bisfenolo A rilevati non superano i parametri imposti per legge. Tali cessioni, però, si sommano ai metalli spesso presenti nell’acqua potabile di rubinetto con il rischio, per chi usa abitualmente le borracce, di oltrepassare facilmente le soglie considerate sicure per la salute. Secondo quanto rilevato dal Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive dell’Università La Sapienza di Roma, inoltre “la variabilità riscontrata nella cessione di elementi chimici è con tutta probabilità da attribuire sia alla qualità del materiale di fabbricazione che alle modalità di lavorazione. La presenza di metalli estranei quali Cromo, Bismuto, Manganese, Bario, Rame, Zinco, ecc. nelle cessioni di borracce in Alluminio fanno supporre che il materiale di fabbricazione possa derivare anche da processi di recupero/riciclo, elementi critici se condotti senza le dovute attenzioni necessarie per garantire la conformità a quanto previsto dalla normativa vigente sui materiali destinati al contatto con alimenti (cosiddetti MOCA)”. “Nell’ultimo periodo stiamo assistendo ad una campagna di demonizzazione della plastica con particolare riferimento alle bottiglie, a favore delle borracce -commenta il Presidente della Fondazione Acqua, Ettore Fortuna. Non solo andrebbe spiegato ai consumatori che le bottiglie in pet sono riciclabili al 100% ritornando ad essere nuove bottiglie dopo il loro recupero e riciclo, ma soprattutto se si parla della salute delle persone è fondamentale dare loro le corrette informazioni per poter scegliere consapevolmente”. Un altro aspetto emerso dallo studio è la non piena conformità delle borracce analizzate ai Regolamenti CE e alle norme nazionali sui MOCA. Infatti, visto che l’acqua destinata al consumo umano è un alimento a tutti gli effetti (Reg. CE 178/2002 - art.2), anche i materiali e gli oggetti destinati al contatto con l’acqua, come appunto le borracce (i cosiddetti MOCA) devono rispettare specifici criteri, nell’ottica del mantenimento delle caratteristiche organolettiche e nutrizionali dell’alimento stesso e di sicurezza igienico-sanitaria del consumatore. Tra le borracce esaminate, solo alcune presentavano il simbolo previsto o le indicazioni di impiego ed elementi utili per la loro identificazione ai fini della necessaria rintracciabilità, un fatto che dovrebbe renderle inadatte alla vendita sul mercato.

  • Il cantante dei Pooh e la freddura in diretta tv
    Notizie
    notizie.it

    Il cantante dei Pooh e la freddura in diretta tv

    Riccardo Fogli spara a salve su un personaggio in diretta tv: la gaffe avrà messo in serio imbarazzo Amadeus?

  • Fase 3,Conte:riformulare abuso ufficio e responsabilità erariale
    Politica
    Askanews

    Fase 3,Conte:riformulare abuso ufficio e responsabilità erariale

    "Oggi chi meno firma è più protetto"

  • Alessia Marcuzzi parte per le ferie, ma il marito non c'è
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Alessia Marcuzzi parte per le ferie, ma il marito non c'è

    Forse per lasciarsi i pettegolezzi alle spalle, Alessia Marcuzzi è partita per Ponza. Ma non c'è ombra del marito Paolo.

  • Gattuso: scomparsa la sorella di soli 37 anni
    Sport
    DonneMagazine

    Gattuso: scomparsa la sorella di soli 37 anni

    Rino Gattuso sta vivendo un lutto impossibile da accettare: sua sorella Francesca è morta a soli 37 anni.