Afghanistan, Talebani sparano ancora sulla folla

·4 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Almeno due persone sono rimaste uccise dopo che combattenti Talebani avrebbero aperto il fuoco contro una folla in strada ad Asadabad, nella provincia afghana di Kunar, nel giorno dell'anniversario dell'indipendenza afghana dai britannici. Lo riferisce al-Jazeera che cita testimoni secondo cui altre otto persone sono rimaste ferite. Stando alle testimonianze riportate, i Talebani avrebbero aperto il fuoco dopo un attacco con un coltello contro uno dei loro combattenti.

A Jalalabad, capoluogo della provincia afghana di Nangarhar, i Talebani sarebbero tornati ad aprire il fuoco contro le persone scese in strada con la bandiera afghana. Lo riporta al-Jazeera, secondo cui un uomo e un ragazzo sono rimasti feriti. Già ieri erano state segnalate proteste a Jalalabad, con una folla scesa in strada per esporre enormi bandiere afghane da contrapporre a quella dei Talebani. I combattenti del movimento sono stati accusati di aver aperto il fuoco contro i manifestanti provocando diverse vittime.

Anche a Kabul ci sono state "proteste isolate" di persone che hanno sventolato la bandiera afghana, contrapposta a quella dei Talebani. Lo riporta la corrispondente di al-Jazeera nella capitale afghana, dopo la resa di domenica agli 'eredi' del movimento fondato dal mullah Omar. La tv riferisce di afghani, donne comprese, che sfilano nelle strade presidiate dai Talebani sotto lo slogan "la nostra bandiera è la nostra identità". Secondo il sito di notizie Khaama Press sarebbero "centinaia" nella capitale le persone, donne comprese, scese in strada con la bandiera afghana. Un testimone ha raccontato alla Cnn di manifestanti che a Kabul hanno sfilato davanti ai Talebani al grido di 'lunga vita all'Afghanistan'. Secondo un altro testimone i Talebani hanno sparato in aria per cercare di disperdere la folla.

PENTAGONO, 'EVACUATE 7MILA PERSONE, 5.200 MILITARI USA IN AEROPORTO – Dall'inizio del ponte aereo da Kabul gli Stati Uniti hanno fatto uscire dall'Afghanistan 7mila persone. Lo ha detto il generale Hank Taylor, durante il briefing del Pentagono, affermando che ora l'aeroporto di Kabul è "sicuro ed aperto alle operazioni di volo". Sul terreno sono dispiegati 5200 militari americani ed il numero è destinato a salire nei prossimi giorni. Era stato detto che sarebbero stati dispiegati 6mila militari americani a copertura delle operazioni di evacuazione dall'Afghanistan.

DI MAIO: 'PIANO ITALIA È TRASFERIRE 2.500 CIVILI – "Con gli ultimi voli atterrati a Roma sono già arrivati ​​in Italia più di 500 afghani, tra ex collaboratori e famiglie. Il nostro piano è trasferire in Italia circa 2.500 afghani che hanno collaborato negli anni con le istituzioni italiane". Lo ha affermato – a quanto si apprende – il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, al G7 straordinario convocato per affrontare l'emergenza in Afghanistan. "Negli ultimi giorni abbiamo evacuato la maggior parte dei nostri connazionali e parte del personale locale dell'Ambasciata, insieme ad alcuni membri del personale locale della delegazione Ue a Kabul e dell'ufficio Nato", ha spiegato il titolare della Farnesina. "È fondamentale – ha aggiunto – ribadire l'appello per un accesso umanitario pieno, sicuro e senza ostacoli delle organizzazioni internazionali al Paese. La comunità internazionale deve continuare a fornire un'assistenza salvavita fondamentale alla popolazione afghana".

TALEBANI CELEBRANO FESTA NAZIONALE – I Talebani celebrano oggi la festa nazionale dell'Indipendenza in Afghanistan, dichiarando la vittoria sugli Stati Uniti "forza potente e arrogante". La festa ricorda il trattato di Rawalpindi che nel 1919 segnò la fine del dominio coloniale britannico e i Talebani dichiarano oggi di aver sconfitto "tre imperi arroganti": britannico, sovietico e americano.

"Sia lode a Dio, oggi celebriamo l'anniversario dell'indipendenza dall'occupazione britannica, mentre, grazie a Dio e alla resistenza jihadista, abbiamo sconfitto un'altra forza potente e arrogante", si legge in un comunicato dei Talebani, citato dalla Cnn. "Non c'è dubbio che questa vittoria divina è stata raggiunta da Dio", continua il comunicato, sottolineando che gli afghani "hanno sconfitto tre arroganti imperi in tre secoli". "Facciamoci governare dal Corano e possa la pace essere su di voi nell'emirato Islamico dell'Afghanistan", conclude il messaggio.

COLLOQUIO AMBASCIATORE PAKISTANO CON KARZAI E ABDULLAH – Continuano i contatti dell'ex presidente afghano Hamid Karzai dopo la resa di Kabul ai Talebani. L'ambasciatore pakistano a Kabul, Mansoor Ahmed Khan, ha reso noto di aver parlato con Karzai e Adbullah Abdullah, inviato per i colloqui di pace del governo di Ashraf Ghani. Su Twitter Khan ha riferito di "colloqui costruttivi sugli sforzi per una stabilità duratura in Afghanistan", mentre in un tweet sul profilo dell'ex presidente Karzai si legge che al centro del confronto c'è stata "l'attuale situazione" in Afghanistan e "il processo politico inclusivo con legittimità nazionale e internazionale". Secondo i media pakistani, l'ambasciatore è tornato in Afghanistan la notte scorsa su istruzioni del premier Imran Khan.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli