Afghanistan, un nastro rosso e 3 giorni di tentativi: evacuati 150

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 ago. (askanews) - In tre giorni di tentativi, circa 150 civili nelle liste di persone ad alto rischio sono riusciti finalmente a raggiungere l'aeroporto durante la notte. Rischiosissimo attraversare la città di notte col coprifuoco ma l'impresa più ardua è riuscire varcare i cancelli del gate superando incolumi la massa umana.

Nove Onlus, in collaborazione con MAE, Comando Operativo di Vertice Interforze ed il console Tommaso Claudi, stanotte ha guidato i civili verso l'aeroporto. Due coordinatori afgani espatriati, in contatto costante con i gruppi su WhatsApp, hanno radunato tutti alle 04:00 di Kabul ai punti prestabiliti per poi farli avanzare verso i gate. Degli osservatori posizionati lungo il percorso segnalavano blocchi e pericoli.

Tutte le donne erano vestite di nero con un nastro rosso per facilitarne il riconoscimento. Ci sono volute alcune ore prima che il gruppo riuscisse a raggiungere i cancelli. Dopo le otto, ora italiana, è arrivata la notizia che le prime venti, grazie all'aiuto dei Carabinieri del Tuscania, erano entrate sane e salve. Fra loro "Amina", la ragazza in burqa che ha continuato ad inviarci appelli pubblici in questi giorni e una parte dello staff afghano di Nove Onlus.

Ma la maggior parte delle persone era ancora fuori. Amina è uscita dal gate scortata dai Carabinieri del Tuscania per portare in salvo altre persone del gruppo ancora disperse fra la folla. Contemporaneamente è decollato da Kabul un volo militare italiano con un altro gruppo di donne, bambini e civili messi in salvo ieri. L'Airbus A320 fornito a Nove Onlus dal Trust In Nome Della Donna con a bordo il nostro coordinatore operativo Saverio Serravezza, li attendeva a Kuwait City per effettuare il secondo passaggio aereo per l'Italia.

L'aereo, con a bordo 158 passeggeri, di cui 114 tra donne e bambini, 6 neonati e tre donne incinte, è atterrato oggi a Fiumicino alle 15:00.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli