Africa, Cuamm invita a mobilitazione per un futuro più giusto -2-

Red/Coa

Roma, 12 set. (askanews) - "Internet e i social ci tengono costantemente connessi gli uni agli altri, non esiste più il vicino e il lontano, ci sembra di essere sempre più uniti. E invece le distanze del cuore e della vita aumentano, le differenze si acuiscono e pesano", ha commentato Don Dante Carraro. "È così che lungo il cammino che ci porta al futuro rischiamo di lasciare indietro il più debole, quello che fatica di più o che da solo non ce la fa, corriamo il rischio di perdere per strada continenti, persone e risorse".

"#lostessofuturo", ha insistito Don Dante Carraro, "è quello negato per tante donne e bambini in Africa, il futuro che siamo impegnati a costruire e ricostruire ogni giorno sul campo. Un filo rosso spezzato che va riannodato a partire dal nostro impegno personale e quotidiano: solo così possiamo tenerci uniti, stretti gli uni gli altri, il forte al debole, il capace al fragile, il ricco al povero. Solo così costruiremo un unico futuro, lo stesso, e sarà più ricco e bello per tutti. È quello a cui vogliamo dare voce mobilitandoci tutti intorno all'hastag #lostessofuturo e ritrovandoci insieme a Firenze il prossimo 9 novembre".