"Up again after stroke": 29 ottobre Giornata mondiale contro ictus

Mpd

Roma, 28 ott. (askanews) - Anche quest'anno il tema scelto dalla World Stroke Organization (Organizzazione Mondiale dell'Ictus Cerebrale) e fatto proprio dall'Associazione A.L.I.Ce. Italia Onlus per celebrare la Giornata mondiale contro l'ictus cerebrale, che, come ogni anno, sarà il prossimo 29 ottobre è "Up Again After Stroke" (Una vita dopo l'ictus è possibile) per incoraggiare le persone colpite e i loro familiari a non arrendersi, ad affrontare anche la delicata fase del post ictus senza demoralizzarsi e utilizzando tutti gli strumenti a disposizione. Tra le conseguenze maggiormente disabilitanti, che hanno un impatto devastante sulle attività della vita quotidiana, sull'autonomia, sulle relazioni e, in una parola, sulla qualità della vita delle persone colpite da ictus, dei loro familiari e dei caregiver c'è sicuramente l'afasia, un disturbo del linguaggio causato da lesioni in particolari aree della corteccia cerebrale dell'emisfero dominante (prevalentemente il sinistro), sede appunto della funzione del linguaggio. Alcune persone afasiche hanno difficoltà quando devono esprimersi verbalmente mentre può essere intatta la capacità di comprendere il linguaggio; altri, invece, manifestano difficoltà quando si tratta di comprendere quello che gli viene detto. La gravità, ovviamente, è estremamente variabile e dipende dalla sede e dalla dimensione del danno cerebrale.

Per la persona con afasia può essere difficile riuscire a seguire discorsi veloci, trovare le parole adatte da dire o comprendere frasi molto lunghe e complesse. Chi si trova a vivere con una persona afasica deve, innanzitutto, capire che convivere con un disturbo così grave può determinare cambiamenti di umore anche importanti e repentini e, quindi, sarebbe opportuno avere un atteggiamento rassicurante e positivo. La difficoltà di linguaggio non va interpretata come "rifiuto di parlare": la persona afasica comunica come e quando può, riuscendo un attimo prima a dire una parola, ma subito dopo potrebbe manifestare difficoltà nel comunicare efficacemente il proprio pensiero.(Segue)