Aggressione Scotto, Patriarca Moraglia: tristezza e indignazione

Cro-Mpd

Venezia, 2 gen. (askanews) - "Il grave episodio di aggressione avvenuto in Piazza San Marco a Venezia, nelle ore di Capodanno, ha suscitato profonda tristezza e vera indignazione per la violenza fisica, verbale e ideologica che ha manifestato. Tale fatto - particolare da non sottovalutare - si è, tra l'altro, consumato nel luogo simbolo della nostra città. È un episodio che offende l'intera comunità, va contro il rispetto e la dignità delle persone, mina alle radici la pacifica convivenza e, quindi, va condannato con forza e in alcun modo minimizzato".

Il Patriarca Francesco Moraglia e la Chiesa che è in Venezia "esprimono solidarietà a chi è stato colpito e aggredito verbalmente e fisicamente, confermando la vicinanza sia a chi personalmente è stato oggetto di tale atto sia alla comunità ebraica che è realtà viva, significativa e importante della nostra città, respingendo e condannando con forza ogni forma di violenza, di intolleranza e di antisemitismo. Venezia è da sempre e vuole rimanere città di pace e di libertà, accogliente verso tutti, amante della giustizia e del bene comune e perciò - per sua natura e storia - refrattaria e contraria ad ogni tipo e richiamo (vecchio e nuovo) di violenza, discriminazione e intolleranza che si rifanno a spregevoli forme ideologiche. Preoccupa il fatto che "protagonisti" di tali atti siano dei giovani; ciò evidenzia drammaticamente la gravità della questione culturale ed educativa soprattutto, ma non solo, nei confronti delle giovani generazioni" si legge in una nota.