Aggressioni Capodanno a Milano, due in carcere per stupro e rapina

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 gen. (askanews) - La polizia ha eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nei confronti di due dei 18 giovani perquisiti ieri a Milano, Bergamo e Torino perché sospettati di essere coinvolti nelle aggressioni a sfondo sessuale e rapine commesse ai danni di almeno nove ragazze la notte dello scorso Capodanno nella zona di piazza Duomo a Milano. Lo ha riferito la questura di Milano, spiegando che il provvedimento cautelare è stato adottato "a seguito del ritrovamento, presso le abitazioni dei due giovani, di materiale informatico e capi di abbigliamento corrispondenti a quelli indossati la sera del 31 dicembre 2021, ed alla escussione avvenute presso la procura del capoluogo lombardo di cinque vittime, confermando così l'identificazione di due soggetti emersi dalle analisi dei video che hanno documentato gli accadimenti".

Uno dei due fermati è coinvolto nella violenza sessuale di gruppo ai danni di due giovanissime donne e nella rapina di una, l'altro nella violenza di gruppo ai danni di quattro ragazze e nella rapina di una di esse. Nel disporre il provvedimento, i magistrati hanno valutato la sussistenza del pericolo di fuga per entrambi, che sono stati fermati a Milano e Torino ed associati presso le locali case circondariali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli