Aggressioni in due ospedali a Napoli: feriti infermiera e vigilanti

aggressioni ospedali napoli

Due aggressioni e tre feriti in due ospedali di Napoli. È questo il bilancio di ciò che è accaduto nelle ultime ore al San Giovanni Bosco e al Pellegrini. Entrambe le strutture ospedaliere non sono nuove a questo genere di avvenimenti. “Non facciamo neanche in tempo a manifestare la nostra solidarietà ai medici aggrediti o minacciati che ci vediamo costretti a comunicare nuovi atti di violenza. Ormai gli operatori della sanità sono come pungiball. Serve un intervento legislativo urgente”, ha dichiarato Ciro Verdoliva, direttore generale dell’Asl Napoli 1.

Napoli, aggressioni in due ospedali

A pagare le conseguenze della difficile situazione creatasi nei due ospedali di Napoli sono stati tre lavoratori, vittime delle due aggressioni avvenute a poca distanza l’una dall’altra. Un paziente ha aggredito a colpi di stampella una guardia giurata di turno all’ospedale Pellegrini, nel centro storico di Napoli. Il vigilante è stato immediatamente soccorso e le ferite riportate guariranno nel giro di una settimana. Un altro uomo, mentre attendeva per farsi ricoverare al Pronto soccorso del San Giovanni Bosco. Ha colpito con un pugno il volto di un’infermiera e di una guardia giurata, intervenuta per difenderla. L’uomo pretendeva di essere ricoverato senza però voler fornire le proprie generalità.

Solo poche settimane prima, l’ospedale San Giovanni Bosco è stato al centro di uno scandalo a causa della presenza di formiche proprio nella zona del Pronto soccorso.