Strage di mormoni in Messico. Almeno 9 morti tra cui 6 bambini

Almeno tre donne e sei bambini di una comunità mormone americana sono stati uccisi in un'imboscata  nel nord del Messico. "È' stato un massacro", ha detto Julian Lebaron, parente delle vittime che ha denunciato la strage, raccontando che sua cugina, mentre si recava in aeroporto, è stata aggredita e uccisa in auto insieme ai suoi quattro figli a Rancho de la Mora, una zona infestata da trafficanti di droga e banditi di ogni genere. Lebaron e alcuni suoi parenti hanno trovato il veicolo, che era stato dato alle fiamme con i corpi delle vittime all'interno.  Altri due veicoli sono stati trovati diverse ore dopo, con dentro i corpi di altre due donne e due bambini.

Almeno altri cinque bambini, uno dei quali è stato colpito e ferito, sono riusciti a fuggire e a tornare a casa a piedi. Un'altra ragazza è stata segnalata come scomparsa dopo essersi rifugiata nel bosco per nascondersi, ha aggiunto Lebaron.

Il procuratore generale dello stato di Chihuahuahua, Cesar Augusto Peniche, ha detto che il numero delle vittime "non è ancora chiaro". L'attacco ha avuto luogo al confine tra gli stati di Chihuahuahua e Sonora vicino alla frontiera con gli Stati Uniti. Il fratello di Julian Lebaron, Benjamin Lebaron, fondatore di un gruppo di attivisti contro il crimine chiamato SOS Chihuahuahua, era stato assassinato nel 2009.

La comunità colpita è costituita dai discendenti dei mormoni fuggiti dagli Stati Uniti nel XIX secolo, dopo essere stati perseguitati per le loro tradizioni, tra cui la poligamia. Molti mormoni in Messico godono di doppia cittadinanza messicana e americana. Il Messico ha registrato più di 250.000 omicidi da quando, nel 2006, il governo ha dispiegato l'esercito per combattere il traffico di droga. Molti esperti accusano la "guerra alla droga" per la spirale di violenza, che vedono i cartelli dei narcos combattersi tra loro e attaccare militari e polizia.