Agibilità, rischio sismico, bonifiche: scuole ancora poco sicure

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 mar. (askanews) - Su un campione di 6.156 edifici in 87 comuni capoluogo di provincia, frequentati da circa 1,2 milioni di studenti, risulta che circa il 58% delle scuole non ha certificazioni base come l'agibilità e ricade in area sismica 1 e 2 il 43% delle scuole, di cui solo poco più del 30% è costruito con la tecnica antisismica. E' quanto emerge da "Ecosistema Scuola 2021", la ventesima edizione del dossier di Legambiente presentato oggi on line.

Secondo il dossier (dati 2019), più dell'87% degli edifici è sotto la classe energetica C. Non è stato ancora bonificato l'amianto in 145 edifici (in gran parte al nord) di quelli oggetto d'indagine, frequentati ogni giorno da 28.500 studenti. La metà delle scuole non ha impianti per lo sport e solo il 55% circa ha la mensa scolastica. Dati medi nazionali che, lungo i vent'anni di indagine, mostrano la permanenza di un costante divario tra nord, centro, sud e isole.

"È il momento di rimettere la scuola al centro delle comunità e dei territori come leva di emancipazione sociale e crescita collettiva e, per questo, di fare in modo che ogni investimento sia parte di questa visione complessiva e non solo una spesa per 'riparare' quello che non va", ha sottolineato Claudia Cappelletti, responsabile scuola Legambiente: "La Fondazione Agnelli, sulla base dei dati dell'anagrafe dell'edilizia scolastica, ha quantificato in circa 200 miliardi i fondi necessari per ristrutturare e rinnovare le scuole italiane: una cifra importante che ci può fare da punto di riferimento per andare a comporre un quadro di risorse che saranno sempre parzialmente sufficienti se non gestite con un cambio di passo della governance dell'edilizia scolastica".