Agricoltura, Coldiretti: patto del pecorino per produzione Lazio

Nav

Roma, 21 dic. (askanews) - Una proposta di filiera, un patto di acciaio tra Coldiretti Lazio, i produttori e i rappresentanti della Grande Distribuzione per salvare il mondo dei pastori del Lazio. E' una battaglia volta a tutelare la storia di questo settore straordinario quella di Coldiretti. Un mondo la cui pratica più antica, quella della transumanza, è da qualche giorno tutelata anche dall'Unesco. Un mondo che esprime tradizioni e numeri importantissimi: 7mila allevamenti che valgono un indotto di 50mila unità su tutto il territorio regionale. E che esprime la forza di un settore che riesce a mantenere, proprio grazie alle greggi, intere porzioni di territorio anche sul piano geologico laddove le istituzioni non riescono più ad intervenire per l'evidente e atavica carenza di risorse.

Ma non è tutto. Perché questa storia e questo potenziale hanno la necessità, per continuare ad esistere, di trovare soluzioni concrete che attualmente appaiono lontane. Oggi, nel Lazio, i prodotti ovicaprini rappresentano una punta di diamante sul piano delle vendite ma di queste solo una su trentacinque riguarda aziende di questo territorio. Ogni trentacinque chili di pecorino romano dop venduti, solo 1 kg è prodotto nel Lazio. E di quello prodotto nel Lazio meno della metà viene venduta nella nostra regione. Possiamo fare di più e dare la possibilità ai consumatori del nostro territorio di acquistare un prodotto che sia esclusivamente del Lazio. (Segue)