Agricoltura e ambiente, Emilia Romagna investe 9,7 mln sul bio -2-

Red/Apa

Roma, 9 gen. (askanews) - Grazie ad una recente modifica del Psr che ha consentito di recuperare risorse aggiuntive per 3,7 milioni di euro, i fondi disponibili per la conversione ammontano a quasi 3,8 milioni di euro all'anno. Il budget per il mantenimento sfiora invece quota 2 milioni di euro sempre all'anno. Gli aiuti variano da 150 a 791 euro all'ettaro all'anno secondo il tipo di colture per favorire la conversione e da 90 a 668 euro, sempre all'ettaro all'anno, per il mantenimento.

Attualmente in Emilia-Romagna le superfici a biologico finanziate attraverso la misura 11 del Psr ammontano a 116 mila ettari, su un totale regionale di oltre 156 mila ettari, pari a più del 15% dell'intera Superficie agricola utilizzata (Sau) da Piacenza a Rimini. Con il bando 2020 si potranno nuovamente finanziare le superfici impegnate con l'ultimo avviso scaduto a fine 2018 e le nuove adesioni.

L'obiettivo è dare un ulteriore colpo d'acceleratore in direzione di un'agricoltura attenta alla nuova domanda di cibi buoni e sani che viene dai consumatori e alle esigenze di una maggiore tutela dell'ambiente, anche nell'ottica della riduzione delle emissioni responsabili dei cambiamenti climatici in atto. In Emilia-Romagna le superfici coltivate bio sono aumentate del 75% rispetto al 2014 (67 mila ettari in più), mentre le aziende sono cresciute di quasi il 70%.(Segue)