Agricoltura: interpellanza urgente M5S, 'tutelare la patata'

·2 minuto per la lettura

Con una interpellanza urgente al Ministro dell'Agricoltura Stefano Patuanelli, presentata in Commissione dal deputato M5S Luciano Cillis, i pentastellati chiedono una maggiore tutela della patata, prodotto minacciato dalle avverse condizioni meteo e dalle moderne tecniche di raccolta. "La coltivazione della patata", si legge nel testo dell'interpellanza, visionato dall'Adnkronos, "rappresenta la produzione agricola nazionale più importante dopo quella del pomodoro e, con oltre 5.000 aziende agricole che operano nel settore, costituisce una delle realtà più significative del comparto ortofrutticolo italiano, vantando anche eccellenze certificate quali la patata di Bologna Dop e la Patata della Sila Igp".

"Come noto, l'impiego delle macchine escavatrici necessarie alla raccolta delle patate determina una continua sollecitazione della loro epidermide provocando contusioni e ferite che, in corrispondenza degli urti, danno vita a zone di imbrunimento con una conseguente veloce traspirazione e trasformazione dell'amido in zucchero e la successiva degenerazione dei tessuti attaccati su cui, poi, si ingenerano i danni da agenti biotici", rimarca Cillis, segnalando come nelle ultime quattro annate di raccolta siano state "sempre più frequenti e allarmanti" le segnalazioni pervenute "dalle aziende produttrici e dalle organizzazioni di categoria circa le problematiche relative alla qualità dei tuberi". Problemi dovuti "oltre che all'andamento delle condizioni meteorologiche 'estreme' degli ultimi anni, anche all'utilizzo dei macchinari per la raccolta meccanizzata".

Il deputato M5S cita poi il caso degli Stati Uniti, dove, "per proteggere il prodotto", viene concesso l'utilizzo, nel post-raccolta, "di alcuni fitofarmaci vietati in Europa, mentre i prodotti fitosanitari autorizzati nell'Unione europea non hanno mostrato nel loro utilizzo una positiva e significativa efficacia". Ma la soluzione potrebbe essere a portata di mano. "Un prodotto - definito corroborante - che si è rivelato in grado di ottenere una buona protezione delle patate è l'olio di girasole, particolarmente indicato per la sua efficacia nell'attenuare, in cella frigorifera, la respirazione dei tuberi ottenendo quindi una concreta azione anti fungina con conseguente inibizione del germoglio". Cillis chiede dunque al Ministro "se e quali iniziative intenda assumere, per quanto di competenza, in merito alla questione esposta" e se "non ritenga indispensabile, anche solo temporaneamente, autorizzare l'impiego del corroborante olio di girasole nella formulazione funzionale al suo effettivo utilizzo". L'interpellanza sarà discussa venerdì 29 ottobre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli