Agricoltura, meno vincoli per spandimento dei reflui in Lombardia

Red-Asa
·2 minuto per la lettura

Milano, 30 ott. (askanews) - La Regione Lombardia ha emesso un decreto che riduce i vincoli per lo spandimento dei reflui in agriocoltura. A partire dal 1° novembre 2020 e fino al 28 febbraio 2021 in tutta la Lombardia (Zone vulnerabili e Zone non vulnerabili da nitrati) saranno emessi bollettini a cadenza bisettimanale (lunedì e giovedì) che stabiliranno, per zona pedoclimatica, i giorni nei quali è concesso o è vietato effettuare l'utilizzazione agronomica delle matrici utili alla fertilizzazione delle colture. Il decreto è in linea con il quadro normativo nazionale e comunitario. I giorni di divieto dovranno essere complessivamente 90 come previsto. Di tali giorni di divieto 32 saranno continuativi, dal 15 dicembre al 15 gennaio, e gli altri 58 saranno definiti con il bollettino nitrati. La motivazione della scelta regionale è stata adottata in considerazione degli effetti meteorologici dei cambiamenti climatici in atto: ora viene ampliato il numero di giorni di divieto da stabilire con il Bollettino sulla base delle reali condizioni meteorologiche, di praticabilità dei terreni e di qualità dell'aria riducendo il numero di giorni di divieto continuativo incondizionato (in precedenza erano 2 mesi continuativi). In particolare, il bollettino, suddiviso in aree pedoclimatiche, avrà una colorazione dell'area in rosso per il divieto e verde per la possibilità di spandimento. Il bollettino valuterà anche le condizioni della qualità dell'aria: se verranno superati i limiti di PM10, anche se verde, lo spandimento sarà autorizzato, ma solo con utilizzo di iniettori oppure con interramento immediato. "Il settore agricolo - ha dichiarato l'assessore regionale lombardo all'Agricoltura Fabio Rolfi - vive momenti difficili durante la stagione invernale a causa del cambiamento climatico e dei conseguenti ritardi delle lavorazioni. La Regione Lombardia si baserà su dati scientifici per consentire lo spandimento. Superiamo vincoli anacronistici prevedendo principalmente lo spandimento dei reflui a bollettino agro meteorologico come stabilito nel nuovo piano nitrati regionale, per consentire alle aziende maggiore redditività e sostenibilità ambientale. Il quadro normativo attuale è datato e superato dal clima e dalla tecnologia".