Agricoltura, presidenza Ue: aiuti per eco regimi fino 25% in 2025

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 apr. (askanews) - Aumentare gli aiuti separati per gli eco-regimi progressivamente dal 22% del 2023 fino a raggiungere il 25% nel 2025. E' la proposta della presidenza portoghese della Ue che ieri, durante l'Agrifish, ha fornito ai ministri dell'Agricoltura Europei un aggiornamento sui progressi dei negoziati interistituzionali sul pacchetto di riforma della PAC e ha chiesto i loro orientamenti su una proposta di compromesso sulla cosiddetta "architettura verde".

Tutti i ministri hanno espresso la loro forte preferenza per mantenere la flessibilità nell'architettura verde difendendo elementi come il periodo di apprendimento iniziale e la possibilità di trasferire fondi tra i pilastri, in modo da evitare la perdita di fondi non spesi. L'orientamento della maggioranza dei ministri è stato comunque di sostegno al piano della presidenza portoghese di concludere i negoziati entro il semestre di presidenza e diversi ministri hanno sottolineato la necessità di un accordo che includa tutti e tre i regolamenti che costituiscono il pacchetto di riforma della Pac.

Maria do Céu Antunes, ministro dell'Agricoltura del Portogallo, al termine dell'Agrifish ha spiegato: "abbiamo raggiunto un punto di vista condiviso sull'architettura verde, un ottimo indicatore dell'impegno del Consiglio a completare questa riforma, un compromesso che abbiamo raggiunto con gli agricoltori e i cittadini europei".

Durante l'Agrifish si è discussa anche la situazione del settore agricolo e dei dei mercati europei, sia alla luce della crisi pandemica, durante la quale il settore agroalimentare ha mostrato resilienza e garantito sicurezza alimentare, sia in relazione agli effetti negativi delle recenti gelate, in particolare per i settori del vino e della frutta. E molti ministri hanno esortato la Commissione a fornire ulteriore sostegno ai settori colpiti.

Ancora, la Commissione ha informato i ministri sui risultati della valutazione della strategia europea per il benessere animale per il periodo 2012-2015 e ha annunciato la sua intenzione di presentare una proposta legislativa pertinente entro la fine del 2023. La delegazione tedesca ha invitato la Commissione a considerare di estendere l'etichettatura obbligatoria dei metodi di allevamento delle galline agli alimenti contenenti uova come ingrediente di un alimento trasformato (ad esempio pasta, maionese). Questa iniziativa ha ricevuto il sostegno di diversi Stati membri che hanno sottolineato il valore aggiunto di queste informazioni per i consumatori.