Agrigento, sequestro da 9 milioni al "re" dei supermercati Burgio

Sav

Roma, 14 feb. (askanews) - Polizia e Guardia di Finanza hanno sequestrato beni per circa 9 milioni di euro a Giuseppe Burgio, 56 anni, l'imprenditore di Porto Empedocle considerato "il re" della grande distribuzione alimentare dell'Agrigentino, già agli arresti domiciliari dopo la condanna nel maggio 2018 a 8 anni di reclusione per reati fallimentari e fiscali (omesso versamento di ritenute fiscali e previdenziali, appropriazione indebita continuata, commercio di prodotti con segni falsi, violazione della normativa fiscale e tributaria). Nei suoi confronti è stata anche eseguita la misura di sorveglianza speciale di P.S. per 3 anni, con obbligo di soggiorno.

A carico dell'imprenditore il Tribunale di Agrigento ha espresso un giudizio di pericolosita sociale "qualificata", in quanto indiziato di intestazione fittizia di beni per riciclaggio. Burgio è stato riconosciuto responsabile della distrazione di somme per 11,5 milioni di euro, posta in essere con una serie di operazioni contabili, giroconti, trasferimenti di cespiti valutari e reali da una societa all'altra del suo gruppo imprenditoriale.

Il Tribunale ha ordinato, pertanto, il sequestro del patrimonio immobiliare e mobiliare riconducibile a Burgio per circa 9 milioni di euro. In particolare sono stati sequestrati 5 immobili del valore complessivo di 5,2 milioni di euro (valutati 8,7 milioni con le attuali rivalutazioni previste dall'Osservatorio del mercato Immobiliare dell'Agenzia del Territorio) tra Agrigento, Porto Empedocle, Palermo e Gela (appartamenti, il complesso immobiliare destinato a centro commerciale "Le Rondini", un fabbricato con destinazione a centro commerciale); 15 autoveicoli per 198.000 euro; gioielli e preziosi per 21.288 euro; 11 rapporti bancari/assicurativi/di investimento per 65.000 euro, sequestrati in diversi istituti di credito.