Agroalimentare, Morato compra i pani a fette di Ro.Mar.

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 lug. (askanews) - Il gruppo Morato acquisisce Ro.Mar., storica azienda specializzata nella produzione di pani a fette con sede in provincia di Venezia. Partecipano all'operazione Marco Semenzato, già presidente di Ro.Mar. e Bruno Rossetto, amministratore delegato di Nuova Industria Biscotti Crich e Quality Food.

Con un fatturato annuo di circa 20 milioni di euro, due stabilimenti e 4 linee produttive, Ro.Mar. rappresenta uno dei partner di riferimento per il business B2B e Private Label, grazie alla sua capacità di fondere la flessibilità di un laboratorio artigianale all'elevata produttività della grande industria. In particolare, l'azienda ha investito negli ultimi anni in innovazioni tecnologiche e di processo, con l'introduzione di uno dei primi impianti in Italia per la produzione di lievito madre e sull'utilizzo di energia autoprodotta e generata da fonti rinnovabili.

"L'operazione - dichiara Stefano Maza, ceo del gruppo Morato - rientra nel piano strategico volto a concentrare lo sviluppo sul mercato core dei prodotti bakery, con l'obiettivo di rafforzare il presidio in Italia, ma soprattutto con la volontà di estendere il nostro business all'estero. Siamo molto soddisfatti di aver chiuso questa acquisizione, che rappresenta una grande opportunità in termini di sinergie per il nostro gruppo, e che si sostiene su solide logiche industriali e di integrazione, a partire da una visione condivisa su temi fondamentali quali l'innovazione e la crescita sostenibile".

"Piena soddisfazione - esprime Stefano Scarpis, ceo di Alto Partners SGR Spa - per l'ingresso di Ro.Mar. nel gruppo Morato, leader di settore che consentirà di proseguire e consolidare il percorso di crescita avviato".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli