Ai funerali di Luca Sacchi folla e commozione, Anastasia non c'è

Gtu/Ssa

Roma, 6 nov. (askanews) - Si sono svolti nella chiesa del Santissimo nome di Maria i funerali di Luca Sacchi, il personal trainer di 24 anni ucciso due settimane fa con un colpo di pistola vicino al pub John Cabot. La chiesa, nel quartiere Appio Latino, poco lontana dal luogo del delitto, gremita di persone, la mamma e il padre di Luca, il fratello più piccolo, visibilmente commossi, parenti e tanti amici, ma non c'era Anastasia, la fidanzata del giovane, che era con lui la sera dell'omicidio.

Il feretro è entrato nella chiesa, coperto di rose bianche, accompagnato da un lungo silenzio, poi poco prima che la messa iniziasse gli amici hanno salutato Luca, appassionato di moto, con il rombo dei motori, sfilando su via Centuripe con le loro moto da cross.

"La morte di Luca ci ha colpito, in un certo senso ci ha fatto morire anche a noi", ha detto il parroco durante l'omelia. Commozione ma anche rabbia negli interventi dal pulpito degli amici e a parenti.

All'uscita del feretro un lungo applauso, mentre la madre di Luca teneva stretta la bara in un abbraccio.