Aiav: anche per compagnie aeree assicurazioni a tutela viaggiatori

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 lug. (askanews) - "Da qualche settimana in Europa è caos voli: scioperi e cancellazioni spesso senza preavviso, ritardi, mancanza di personale e aumenti dei costi rischiano di compromettere irreparabilmente la stagione turistica in forte ripresa­. I voli cancellati dalle compagnie low cost e di bandiera, in Europa a giugno sono oltre 50mila e la situazione è destinata a peggiorare: si stima che tra luglio, agosto e settembre saranno cancellati 114 mila voli. I vettori non riescono a fronteggiare l'incremento dei flussi, in larga parte inatteso, che si è verificato negli ultimi mesi a causa delle politiche industriali adottate per fronteggiare il biennio pandemico: il crollo verticale della domanda ha costretto le compagnie a perseguire economie di scala e riduzioni di personale, che, nel momento della ripartenza, non è stato facile sostituire e reperire". Lo sostiene in una nota l'Associazione agenti di viaggio (Aiav), aggiungendo che i disagi subiti dai viaggiatori sono solo un aspetto del problema, "perché il trasporto in tilt ha un impatto negativo diretto anche su tutto il sistema turismo, a cominciare dalle prenotazioni alberghiere: le cancellazioni al momento si attestano attorno al 20% con evidenti conseguenze anche sul comparto di tour operator e agenzie di viaggio, che gestiscono i flussi degli italiani verso l'estero, degli stranieri in arrivo e i viaggi degli italiani in Italia, e, oltre alla rabbia dei clienti, si trovano in prima linea ad affrontare rimborsi ed emergenze di ogni tipo".

Per questa ragione l'Aiav ("che conta oltre duemila iscritti") si è rivolta direttamente all'Enac, al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Enrico Giovannini, e alla Direzione generale per gli aeroporti, il trasporto aereo e i servizi satellitari con una lettera spedita lo scorso 30 giugno, nella quale "esorta a richiamare ufficialmente i vettori e imporre loro di agire nel rispetto delle regole, procedendo celermente con le riprotezioni, i rimborsi e, non meno importante, con la trasmissione delle informazioni doverose e necessarie al mercato".

"Come sempre a fare le spese delle decisioni prese dai grandi operatori turistici (in questo caso le compagnie aeree) sono in primo luogo i viaggiatori e, con loro, le agenzie di viaggio" ha dichiarato il presidente dell'Aiav, Fulvio Avataneo, aggiungendo che "queste ultime costituiscono, nel caso della vendita dei pacchetti turistici, l'unico interlocutore disponibile a gestire con grandi difficoltà la prenotazione". "Non è possibile tollerare ulteriormente questa situazione, il Governo ha il dovere di imporre anche ai grandi il rispetto delle regole" ha proseguito Avataneo, concludendo "suggeriamo inoltre che anche i vettori, al pari di agenzie di viaggio e dei tour operator, siano sottoposti all'obbligo di sottoscrivere una polizza assicurativa o un fondo di garanzia contro l'insolvenza e/o il fallimento, a tutela dei viaggiatori".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli