Aids in Africa e Asia, Rapporto MSF "Non c'è tempo da perdere":

red

Roma, 29 nov. (askanews) - Centinaia di migliaia di persone al mondo continuano a morire di infezione da HIV a uno stadio clinico avanzato, meglio noto come AIDS, perché molti paesi sono ancora impreparati a diagnosticare e curare le persone che soffrono delle conseguenze di questa malattia. Questa è la fotografia scattata dal nuovo rapporto di Medici Senza Frontiere (MSF), "Non c'è tempo da perdere", pubblicato in occasione della giornata mondiale di lotta contro l'AIDS.

La mancanza di una risposta tempestiva ai fallimenti terapeutici e le interruzioni della cura stanno mettendo a repentaglio i recenti progressi cha hanno visto diminuire il numero di morti per HIV. Per questo MSF chiede ai paesi che registrano un alto livello di infezione e ai paesi donatori di mettere in atto urgentemente i protocolli raccomandati per prevenire, diagnosticare e curare l'HIV avanzato e l'AIDS a livello comunitario.(Segue)