Aids, Sant'Egidio: in Africa è allarme tra gli adolescenti

red/rus

Roma, 30 nov. (askanews) - Salvare il futuro dell'Africa combattendo la principale causa di morte tra gli adolescenti del Continente: il virus dell'Hiv. È questa la sfida del programma Dream della Comunità di Sant'Egidio che, in occasione della Giornata Mondiale contro l'Aids, vuole ricordare quanto è stato fatto e quanto ancora bisogna fare per i giovani. Un'attività che Dream porta avanti ormai da 18 anni offrendo accesso gratuito alle cure in 11 Paesi africani, con 49 centri di salute e 25 laboratori di biologia molecolare.

Nel 2016, il 73 per cento dei nuovi casi di HIV tra adolescenti era localizzato in Africa. E si stima che da qui al 2030 ci saranno altri 740 mila giovani che contrarranno il virus. Ad oggi la metà delle ragazze e dei ragazzi sieropositivi è concentrata in sei nazioni. Cinque di queste appartengono allo stesso continente: Sud Africa, Nigeria, Kenya, Mozambico e Tanzania.

Particolarmente seria la situazione nell'Africa orientale. Ed è proprio da qui che parte il lavoro di DREAM. Sono quasi 6000 gli adolescenti attualmente in terapia nei centri di salute del programma della Comunità di Sant'Egidio. La metà di questi si trova in Mozambico, più di 1000 in Malawi e oltre 800 in Kenya. Nei tre stati DREAM ha tre progetti, finanziati dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo: Malawi? I Care, Mozambico PASS e Insieme al Global Fund per porre fine all'epidemia di HIV e TB in Kenya. Di pochi giorni fa è la notizia che l'AICS ha approvato un progetto dedicato ai giovani dal titolo Espaço Aberto. Rafforzamento dei servizi sanitari per adolescenti e giovani donne con HIV in Mozambico che comincerà nel 2020. Il progetto permetterà di offrire per almeno due anni cure gratuite e di qualità a 2.500 giovani con HIV (per il 52% ragazze) tra i 10 e i 19 anni e 1.250 giovani donne sieropositive tra i 20 e i 25 anni. Si sperimenterà la formazione di youth leader e la loro inclusione nella creazione di uno spazio adolescents friendly all'interno di sei centri di salute in Mozambico, al fine di facilitare l'accesso dei giovani ai servizi sanitari per HIV.(Segue)