Aifa vieta un lotto vaccino AZ in via precauzionale dopo due decessi

·1 minuto per la lettura
Scatole contenenti fiale del vaccino AstraZeneca all'interno di un frigorifero durante la campagna di vaccinazione contro il coronavirus

MILANO (Reuters) - L'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha vietato oggi in via precauzionale l'uso di un lotto del vaccino anti-Covid AstraZeneca a causa di "alcuni eventi avversi gravi".

Lo dice l'Aifa in una nota specificando che il lotto è l'ABV2856 e aggiungendo che "si riserva di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l'Ema".

L'Agenzia precisa che al momento "non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e tali eventi".

Aifa conclude che sta effettuando tutte le verifiche e acquisendo la documentazione clinica insieme ai carabinieri del Nas. I campioni verranno analizzati dall'Istituto Superiore di Sanità, aggiunge.

Quelli che l'Aifa definisce "eventi avversi gravi" sono la morte di un militare 43enne di Corleone e di un poliziotto catanese di 50 anni, entrambi deceduti dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca, riferisce una fonte a diretta conoscenza del dossier.

Il militare era deceduto meno di un giorno dopo aver ricevuto il vaccino, il poliziotto invece 12 giorni dopo.

Entrambi erano stati vaccinati con dosi dallo stesso lotto.

La procura di Siracusa ha aperto una inchiesta nel caso del militare, disponendo l'autopsia.

Non si tratta comunque del lotto che è stato bloccato in Danimarca e in Norvegia.

La fonte precisa che non è stata accertata alcuna correlazione fra i decessi e il vaccino. E' proprio quello l'oggetto degli accertamenti.