Aifi: private equity e venture capital, crescono raccolta e investimenti

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 13 set. (Adnkronos) – Nel primo semestre 2021 c'è stata una ripresa del mercato italiano del private equity e del venture capitale. Secondo i dati raccolti da Aifi insieme a PwC Deals, la raccolta complessiva è stata di 2.827 milioni di euro, in aumento del 194% rispetto al primo semestre del 2020, grazie ad alcuni closing di dimensioni significative. Gli operatori che hanno effettuato un closing nel periodo sono stati 21. Le fonti principali della raccolta sono state: fondi pensione e casse di previdenza 35%, banche 16%, e settore pubblico 10%. A livello geografico, il 95% dei capitali arriva da investitori domestici.

“La ripresa dell’economia vede anche il contributo del private equity che con la crescita degli investimenti e delle operazioni, soprattutto di expansion, dimostra quanto sia importante il ruolo svolto dagli investitori anche in questo delicato momento”, afferma Innocenzo Cipolletta Presidente Aifi. “Serve però un’azione maggiore per attrarre capitali italiani e internazionali che moltiplichino così le opportunità per le nostre aziende”.

L’ammontare investito è stato pari a 4,5 miliardi di euro, in crescita del 142% rispetto agli 1,9 miliardi del primo semestre del 2020 e dell’81% rispetto al I semestre del 2019, precedente la pandemia. Soltanto nel 2016 era stato raggiunto un valore più alto in termini di ammontare investito nel primo semestre. Il numero di operazioni si è attestato a 253, in crescita del 102% rispetto alla prima parte del 2020 (125 investimenti) e del 52% rispetto al primo semestre del 2019.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli