AIP: all'Umberto I Roma bambini senza assistenza specialistica

Gci

Roma, 11 gen. (askanews) -"Più di 200 bambini affetti da Immunodeficienze Primitive, provenienti da tutta la Regione Lazio e diverse regioni del centro-sud, gruppo di malattie rare con un significativo impatto sulla vita dei bimbi, sono privi di assistenza specialistica dal 1° gennaio. È quanto sta accadendo all'Ospedale Policlinico Umberto I di Roma". E' questa la denuncia dell'Associazione Nazionale di Immunodeficienze Primitive (AIP) che ha segnalato il problema direttamente alla Direzione dell'Ospedale e alla Regione durante tutto il 2019.

Nessuna risposta sarebbe giunta da parte della Direzione dell'Ospedale, si afferma, e per questo motivo l'Associazione si è rivolta ad un legale nell'estremo tentativo di avere un cenno di riscontro da parte della Direzione. "Il centro si prende cura di oltre 200 bambini dal 2005, fornendo assistenza anche alle famiglie. - afferma il Presidente Nazionale AIP, Alessandro Segato - . Un'esperienza preziosa acquisita negli anni e soprattutto necessaria per garantire la sopravvivenza delle attività di cura e assistenza dei pazienti senza che si prospetti una interruzione di pubblico servizio. Il nostro obiettivo è tutelare i nostri piccoli pazienti e le loro famiglie e non smetteremo di lottare per loro".