Air Italy, R.Sardegna: De Micheli mistifica la verit

Red/Gca

Roma, 23 giu. (askanews) - "Le parole della Ministra dei Trasporti De Micheli mortificano e mistificano la verit dei fatti e richiedono un'immediata replica". Con queste parole l'assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde, risponde alle dichiarazioni della Ministra Paola De Micheli, che accusa le Regioni, Sardegna e Lombardia in particolare, di non avere formulato alcun progetto sulla crisi Air Italy. "Ricordo alla Ministra - afferma l'assessore Todde - che stata per prima la Giunta regionale sarda a chiedere che quella di Air Italy fosse trattata come grande crisi industriale nazionale, e di avere pi volte sollecitato, cos come era stato previsto e annunciato nel Decreto Rilancio, che il Governo presentasse un progetto per la creazione di una newco che avrebbe potuto comprendere anche Air Italy, e i suoi lavoratori". (segue)

  • L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna
    Spettacolo
    notizie.it

    L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna

    Massimo Boldi e Irene Fornaciari si sono lasciati. Le parole dell'attore.

  • Omicidio Sacchi, il fratello: "Anastasiya si era allontanata da Luca"
    Notizie
    Adnkronos

    Omicidio Sacchi, il fratello: "Anastasiya si era allontanata da Luca"

    "Nell'ultimo periodo i miei rapporti con Luca non erano ottimi. E anche fra Luca e la fidanzata Anastasiya le cose non andavano bene, li avevo visti allontanarsi. Vedevo sempre più spesso Giovanni Princi: tra lui e Anastasiya invece i rapporti ultimamente erano sempre più buoni". Lo ha detto davanti ai giudici della Prima Corte di Assise di Roma, Federico Sacchi, fratello di Luca, il personal trainer ucciso con un colpo di pistola alla testa la notte tra Il 23 e il 24 ottobre davanti ad un pub nella zona di Colli Albani a Roma. Federico, che era presente la sera dell'omicidio, ha riferito di aver visto Princi allontanarsi dal pub, poco prima del delitto.  All'udienza di oggi, a porte chiuse, è stato ascoltato anche un amico di Luca Sacchi, Domenico Costanzo Marino Munoz, già sentito dagli inquirenti come persona informata sui fatti e presente anche lui sul luogo dell'omicidio. Il testimone ha detto di aver visto Anastasiya che veniva "colpita due volte con il bastone e quando Luca è intervenuto, Del Grosso ha fatto fuoco". Sul banco degli imputati ci sono Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due ventenni di San Basilio autori materiali dell'aggressione, Marcello De Propris, che consegnò l'arma del delitto, il padre di quest'ultimo, Armando, accusato della detenzione della pistola, e Anastasiya, che nel processo è anche parte civile per la rapina subita.

  • Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus
    Notizie
    AGI

    Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus

    La Texas Medical Association ha redatto una lista di azioni assegnando a ognuna di esse un punteggio per classificarle in base alla pericolosità di contagio da COVID-19.Partendo da quelle meno pericolose, aprire la posta è un'azione che si può compiere con la massima serenità, un punto in più in termini di gravità per il fare benzina, giocare a tennis, ordinare cibo take away o andare in campeggio.Lontane dalla zona rossa anche altre azioni che siamo abituati a svolgere nel quotidiano come fare la spesa o passeggiare e correre all'aperto. Sono considerate ancora azioni “moderatamente basse” alloggiare in hotel per due notti, sedere in sala d'attesa dal medico, andare in biblioteca o al museo, mangiare in un ristorante all'aperto o camminare in un luogo affollato.La linea si tinge di giallo quando parliamo di cenare a casa di altre persone, andare in spiaggia e fare acquisti in un centro commerciale. Lavorare in ufficio è un'attività una tacca più pericolosa, così come la scuola per i figli e nuotare in una piscina pubblica.La situazione si fa più seria quando si tratta di andare dal barbiere o dal parrucchiere, così come cenare fuori al chiuso, partecipare a matrimoni o funerali, viaggiare in aereo, praticare sport di contatto come calcio o basket e salutare con strette di mano e abbracci i propri amici.Attenzione ai massimi livelli quando andiamo in palestra, al cinema o al teatro; attenti anche ai grandi concerti, quando ricominceranno, è chiaro, allo stadio, attività ancora negata, e a cerimonie con oltre 500 partecipanti; insomma, tutte quelle attività che prevedono un assembramento eccessivo. Anche mangiare e frequentare nei bar è considerata attività particolarmente a rischio.

  • Italia blocca ingressi da 13 Paesi
    Salute
    Adnkronos

    Italia blocca ingressi da 13 Paesi

    Stop agli ingressi in Italia per chi arriva da Paesi a rischio Covid. E' quanto stabilito da un'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sentiti i ministri degli Affari Esteri, dell'Interno e dei Trasporti.  L'ordinanza dispone il "divieto di ingresso e di transito in Italia alle persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o sono transitati nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana". Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, sono sospesi anche i voli diretti e indiretti da e per i Paesi sopra indicati, fa sapere il ministero di Lungotevere Ripa in una nota. "Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo - spiega Speranza - che abbiamo scelto la linea della massima prudenza". “Le misure adottate dal ministro della Salute sono molto importanti al fine di mantenere i risultati raggiunti in questi mesi ed evitare che casi importati possano generare focolai difficili da controllare”, ha affermato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, aggiungendo: “Dobbiamo ricordarci che in molti paesi del mondo la circolazione del virus e ancora elevata”.  "Condivido al 100% l'ordinanza" sul divieto d'ingresso per chi arriva da Paesi a rischio: "Bravo Speranza. E questo vista la situazione Italia dove si registrano sempre meno ricoveri Covid-19 e chiudiamo i reparti di terapia intensiva dedicati. Abbiamo dei focolai, che però controlliamo molto bene. E' chiaro quindi che non possiamo permetterci di importare varianti di virus diversi con cariche diverse e magari più aggressive". A parlare all'Adnkronos Salute è Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita), che commenta l'ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza. "Non è una questione di rivalsa o di vendetta verso altri Paesi - aggiunge Bassetti - ma semplice tutela della salute pubblica. Mi pare un atteggiamento molto corretto da chi, in qualche modo, ha imparato 'la lezione' rispetto ad un periodo in cui queste misure non sono state prese. Ben ben vengano, quindi, se si prendono adesso, ma devono valere anche per le triangolazioni dei voli da altri Paesi verso l'Italia. Immagino occorra anche una collaborazione da parte della altre autorità Ue ed extra Schengen. E poi - conclude - magari andrebbero previste delle sanzioni se si aggirano questi divieti".  Pregliasco: "Bene l'ordinanza di Speranza"

  • Lorenzo Amoruso: "Non mi piace che parli di eterni fidanzatini"
    Notizie
    notizie.it

    Lorenzo Amoruso: "Non mi piace che parli di eterni fidanzatini"

    Lorenzo ha visto un video con protagonista la fidanzata Manila che non ha particolarmente gradito.

  • Scarpe Lidl da 13 euro a ruba: rivendute online anche a 100 euro
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Scarpe Lidl da 13 euro a ruba: rivendute online anche a 100 euro

    Il prezzo competitivo e la decisione dell'azienda di non rimettere in commercio l'articolo, ha fatto sì che ci fosse una corsa alle sneakers

  • Il conduttore è stato querelato dal giudice
    Politica
    notizie.it

    Il conduttore è stato querelato dal giudice

    Nicola Porro e Rete 4 sono stati querelati dal giudice Antonio Esposito.

  • Donna muore in spiaggia a Gaeta, l'ipotesi dell'arresto cardiocircolatorio
    Notizie
    notizie.it

    Donna muore in spiaggia a Gaeta, l'ipotesi dell'arresto cardiocircolatorio

    Un donna statunitense di 80 anni è morta sulla spiaggia di Gaeta nella mattinata del 9 luglio. I medici ipotizzano un arresto cardiocircolatorio.

  • Pensa di morire per il morso di un serpente: fugge a velocità elevatissima
    Notizie
    notizie.it

    Pensa di morire per il morso di un serpente: fugge a velocità elevatissima

    Convinto di essere stato morso da un serpente velenoso e di morire di lì a poco, un ragazzo ha viaggiato a 123 km/h in autostrada.

  • Paris Hilton si "candida" alla Casa Bianca: i post divertenti
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Paris Hilton si "candida" alla Casa Bianca: i post divertenti

    La 39enne ha pubblicato una sua foto con il cane e la Casa Bianca in rosa sullo sfondo.

  • Se il coronavirus permane nell'aria e non solo nelle "goccioline" (l'opinione di Massimo Galli)
    Salute
    Askanews

    Se il coronavirus permane nell'aria e non solo nelle "goccioline" (l'opinione di Massimo Galli)

    Cosa ne pensa l'infettivologo, in attesa dell'Oms. Perch cambierebbe tutto

  • Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"
    Notizie
    notizie.it

    Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"

    Nella seconda puntata di Temptation Island si vede Valeria sempre più vicina al tentatore Alessandro. Ecco la reazione di Ciavy

  • Notizie
    Askanews

    Indonesia, arrestato francese per "abuso sessuale" su 300 minori

    Pensionato 65enne rischia anche la pena di morte

  • Renzi: "Basta populismo, cacciare Benetton è impossibile"
    Politica
    Adnkronos

    Renzi: "Basta populismo, cacciare Benetton è impossibile"

    "Sono entusiasta che ci abbiano dato ragione sullo sblocco dei cantieri dopo averci insultato per mesi, ma ora i risultati si devono vedere. Lo stesso vale per Autostrade: è il momento di passare dalle chiacchiere ai fatti. Dopo due anni non si può continuare ad urlare 'revocheremo' o 'cacceremo i Benetton'. Perché è molto semplice, ma impossibile da farsi: basta col populismo degli annunci". Lo dice Matteo Renzi a La Stampa.  "Tutti sapevano che la gestione sarebbe andata ad Autostrade: era già previsto all'inizio del percorso. Ma ora basta con la politica dei rinvii. Non puoi dire 'revoco', lasciando aperta così a lungo la questione. In un senso o nell'altro le decisioni vanno assunte. Perché altrimenti rischiamo una doppia beffa: il ponte è ricostruito e il dossier resta aperto. E l'eventuale revoca si trasforma in un regalo per la proprietà". Renzi, lei è diventato il miglior alleato di Conte per paura delle elezioni anticipate? "Siamo alle solite esagerazioni. Non siamo alleati supini del premier, né abbiamo paura delle urne. Il 21 settembre, con le elezioni regionali, molti se ne renderanno conto. Nelle vittorie del centrosinistra, Italia Viva sarà determinante. Faccio un ragionamento sul Paese: se andassimo a elezioni prima della scadenza del Quirinale, faremmo un gigantesco autogol e un regalo ai sovranisti. Dobbiamo eleggere un presidente della Repubblica europeista e anti-sovranista". Si parla tanto di riforma elettorale ma tanto finirà sul binario morto ad agosto? "Trovo allucinante che si insista a parlare di legge elettorale in questo momento".

  • 'Rai1 gay', 'ipocrita': scintille Adinolfi-Diaco
    Spettacolo
    Adnkronos

    'Rai1 gay', 'ipocrita': scintille Adinolfi-Diaco

    "Ho attaccato Pierluigi sul tema omosessualizzazione di Rai1: pensa che colpo (e che ascolti) per un dialogo tra me e lui a 'Io e te'. La scusa potrebbe essere l'uscita il 1 luglio del mio ultimo libro 'Il grido dei penultimi'. Non ho intenzione di essere aggressivo. Pensaci, sarebbe puntata storica e se avete fatto mezz'ora con Luxuria, si può fare mezz'ora anche con chi ha idee alternative a Luxuria". E' lo screenshot del messaggio inviato da Mario Adinolfi al coautore di 'Io e te', il programma di Rai1 condotto da Pierluigi Diaco che proprio Diaco ha deciso di pubblicare su Twitter per smascherare "l'ipocrisia" del leader del Popolo della Famiglia Adinolfi. Una decisione, quella del conduttore di 'Io e te', arrivata dopo le dichiarazioni pubbliche fatte in questi giorni da Adinolfi sulla omosessualizzazione di Rai1, resa evidente, a suo parere, dalla decisione della rete di togliere Lorella Cuccarini da La Vita in diretta e dalla scelta di conduttori omosessuali nel palinsesto della rete ammiraglia tra cui appunto Diaco di cui il leader del Popolo della Famiglia fa il nome assieme a quello di altri. "Ecco l’ipocrisia con la I maiuscola. Mario Adinolfi scrive al coautore di 'Io e te' Maurizio Gianotti per auto invitarsi in trasmissione a promuovere il suo libro. Dopo aver scritto peste e corna su di me. Faccia da...", scrive Pierluigi Diaco per spiegare lo screenshot.  Un tweet a cui Diaco aggiunge una ulteriore spiegazione poco dopo: "Per amore di verità. Il mio autore mi ha girato come sempre i messaggi in cui molti si auto invitano, detrattori e non. Tra questi c’era anche quello di Mario Adinolfi. Ho risposto al mio autore 'no, grazie'. Poi ho avuto un’idea: dimostrare il tasso di ipocrisia imperante". Immediato il commento di Luxuria su twitter: "La conferma che certe persone usano l’omofobia in maniera strumentale e opportunista per i propri comodi e interessi". Non manca a stretto giro la replica di Adinolfi: "Per la precisione, dopo aver visto i 35 minuti garantiti da Diaco a lei onorevole e i 20 assicurati a la Vita in Diretta per la propaganda al ddl Zan, la chiamerei verifica dell’esistenza di una lobby che domina Rai1. Violenta, che si copre l’uno con l’altro. Omofobia non ne vedo". "Le consiglierei dopo questa figuraccia di osservare una giornata di silenzio", gli ribatte Luxuria. Un suggerimento che infastidisce Adinolfi: "Guardate, il tentativo di silenziamento nei miei confronti lo tentate da tempo e in mille modi. Adesso vi siete ridotti a montare la panna utilizzando lo screenshot di un messaggio privato ad un autore Rai mio amico. State solo dimostrando di quali bassezze violente siete capaci". Chiude il cerchio il cinguettio sarcastico di Luxuria: "Quello che mi diverte è l’ego smisurato di chi pensa di alzare gli ascolti con la sua presenza: presuntuoso e ridicolo".

  • Notizie
    AGI

    Bagno di 'sangue' in Gran Bretagna, 60 mila posti di lavoro a rischio

    AGI - È un giovedì nero per il mercato del lavoro in Gran Bretagna: 60 mila posti di lavoro a rischio, secondo il Daily Mail, una raffica di licenziamenti annunciati dai grandi magazzini John Lewis, dalla Rolls Royce, dalle farmacie Boots, a Burger King.I giornali britannici parlano di un "bagno di sangue". E tutto ciò arriva a meno di 24 ore dal piano di aiuti da 30 miliardi di sterline che il cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak ha varato proprio per limitare i licenziamenti e offrire sostegno a chi ha già perso il lavoro. "È un pugno sul naso" a Sunak, commenta il Daily Mail. JOHN LEWIS: 1.300 POSTI A RISCHIO John Lewis conferma che otto dei suoi negozi non riapriranno dopo i lockdown, mettendo a rischio 1.300 addetti. La catena di grandi magazzini, già in sofferenza per la concorrenza delle vendite online, chiuderà permanentemente i principali siti di Birmingham e Watford, nonché piccoli negozi all'aeroporto di Heathrow, alla stazione ferroviaria di St. Pancras a Londra e i quattro negozi 'At Home' a Croydon, Newbury, Swindon e Tamworth."Prima della pandemia - si legge in una nota - gli 8 negozi erano già in difficoltà e noi già vendevamo online il 40% dei nostri prodotti". L'intenzione di John lewis è di arrivare a vendere online tra il 60% e il 70% dei prodotti a partire dal prossimo anno. BURGER KING: 10% RISTORANTI POTREBBERO NON RIAPRIREAlla catena di fast food Burger King, finora, solo 370 dei suoi 530 ristoranti in Gran Bretagna hanno riaperto. L'amministratore delegato Alasdair Murdoch alla Bbc ha dichiarato che i danni economici derivanti dalla crisi potrebbero costringere la società a chiudere permanente fino al 10% dei suoi locali. I posti a rischio sono 1.600."Non vogliamo perdere nessun lavoro - ha detto Murdoch - Ci sforziamo di non farlo, ma si deve presumere che tra il 5% e il 10% dei ristoranti potrebbe non essere in grado di sopravvivere. Non siamo i soli, penso che questo valga per tutti quelli nel nostro settore". ROLLS ROYCE: IN 3 MILA CHIEDONO USCITA VOLONTARIAAlla Rolls Royce sono oltre 3 mila i lavoratori che hanno chiesto l'uscita volontaria. La società fa sapere che circa i due terzi dei lavoratori lasceranno l'attività entro la fine di agosto. La notizia arriva sette settimane dopo che Rolls-Royce ha dichiarato che avrebbe tagliato 9.000 posti di lavoro il 17% dei suoi 52 mila addetti a livello globale, avvertendo che le fabbriche nel Regno Unito sarebbero state quelle colpite in modo peggiore. Il colosso dei motori per aerei con sede a Derby aveva già dovuto affrontare diversi problemi prima dell'arrivo della pandemia di coronavirus. FARMACIE BOOTS LICENZIERANNO 4 MILA ADDETTILa catena farmaceutica britannica Boots annuncia la sua intenzione di tagliare oltre 4 mila posti di lavoro in Gran Bretagna, a causa del forte calo delle vendite legato al coronavirus. Boots, la cui proprietà è statunitense, ha in programma una "significativa ristrutturazione dei suoi uffici, dei negozi e del quartier generale", la quale porterà al "taglio di 4 mila posti e di 48 negozi di ottica". UN DURO COLPO PER RISHI SUNAKLa raffica di licenziamenti è un'umiliazione per il neo-ministro Rishi Sunak, che ieri ha lanciato un pacchetto di aiuti da 30 miliardi di sterline per salvare l'economia britannica che includeva un "bonus di mantenimento del lavoro" da 1.000 sterline per le imprese che riportavano indietro i lavoratori, e pasti a metà prezzo al ristorante finanziati dal governo.Stamattina un Cancelliere dalla faccia cupa ha ammesso di non poter proteggere tutti i lavoratori e che il Regno Unito è sulla buona strada per una "grave" recessione. Lucy Powell, ministro degli Affari ombra, ha dichiarato: "Nonostante gli annunci di ieri, la perdita di posti di lavoro sta continuando rapidamente. Abbiamo bisogno di un sostegno più mirato nei settori più difficili". Il sindacalista Len McLuskey, numero uno dell'Unite the Union, il sindacato affiliato ai laburisti, ha detto che Sunak ha "fallito": non è riuscito a impedire altri licenziamenti in Gran Bretagna.

  • Notizie
    AGI

    A Ustica è stato trovato un relitto con anfore del II-I sec a.C.

    AGI - Un relitto giacente ad una profondità di circa 70 metri di cui è ben evidenziato il carico, composto da anfore databili tra il II ed I sec. a.C., è stato individuato nel mare di Ustica dalla Sovrintendenza del Mare durante un'operazione di monitoraggio e rimessa in ordine dell'itinerario subacqueo. Le immersioni sono state effettuate dal segnalatore e altofondalista Riccardo Cingillo. Durante le tre giornate di lavoro sono state effettuate ricerche strumentali tramite ecoscandaglio, ROV e Rebreather. Le indagini preliminari sono state condotte con il supporto tecnico-logistico della Guardia di Finanza. Per la Sopmare, oltre alla soprintendente Valeria Li Vigni, erano presenti i funzionari Selvaggio e Agneto, responsabili degli itinerari subacquei, l'archeologa Testa, il responsabile del nucleo subacqueo Vinciguerra.A Ustica le ricerche proseguiranno con saggi, rilievi videofotografici, e analisi diagnostiche sui reperti recuperati. “Proseguire e potenziare le ricerche in mare ispirate dall'entusiasmo ancora vivido di Sebastiano Tusa – sottolinea l'assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, Alberto Samonà - non è solo un atto di rispettosa memoria verso un uomo che ha investito gran parte della propria vita a valorizzare la Sicilia e il mondo sommerso, ma è soprattutto un investimento in termini di capacità di generare valore, attraverso il potenziamento di un segmento dell'offerta culturale connessa al patrimonio storico-archeologico sottomarino, in linea con i principi dettati dalla Convenzione UNESCO sulla fruizione del patrimonio culturale". "Siamo ripartiti, da questa scoperta ci aspettiamo molto. Qui c'è il 'cuore' di Sebastiano", ha detto Valeria Li Vigni, raccontando i dettagli dell'ultima scoperta. Esattamente un anno fa venne calato nel mare di Ustica un "cuore" di marmo per ricordare Sebastiano Tusa, archeologo di fama mondiale scomparso nel marzo di un anno nell'incidente aereo della Ethiopian Airlines, fondatore di quella Soprintendenza che la moglie dirige.E, a distanza di un anno, quel mare, a nord di Punta Falconiera, ha restituito un relitto che promette molto all'archeologia. "Prenderemo un'anfora per esaminarla, per il relitto vedremo se sarà il caso di recuperarlo", spiega Li Vigni, consapevole del principio stabilito in sede Unesco, e per l'affermazione del quale Tusa si battè, che le tracce archeologiche vanno lasciate lì dove si trovano e solo raramente è il caso di portarle a terra."L'assessore Samonà ci ha promesso un finanziamento, e potremo così andare avanti", aggiunge Li Vigni, in vista di settembre, quando riprenderà il lavoro, centrale per la Soprintendenza e per l'archeologia tutta, nei luoghi della Battaglia delle Egadi, nel mare di Levanzo, che il 10 marzo del 241 a.C. pose fine alla prima guerra punica dopo aver sancito la sconfitta dai cartaginesi da parte dei romani.Fu proprio Tusa a guidare le ricerche che nel corso degli anni hanno portato alla scoperta di elmi e rostri di quell'evento, destinato a cambiare la Storia del Mediterraneo. Le ricerche riprenderanno con l'equipaggio di Rpm Nautical Foundation", non profit americana, con una sede a Malta, specializzata in ricerche culturali sottomarine. Il trasporto delle anfore, invece, segnala un periodo di pace in quello che gli antichi indicavano come Mare Nostrum. Esse, ha scritto Tusa nel volume "Primo Mediterraneo" (Edizioni di storia e studi sociali), erano "uno degli elementi basilari per il trasporto di vari generi di consumo oltre al vino, quali l'olio, i frutti". L'anfora "è per gli archeologi un elemento insostituibile , per giungere con facilità alla loro attribuzione culturale, etnica e politica, ma anche per conoscere e tracciare gli antichi sistemi e le rotte commerciali dell'antichità".

  • Belen smentisce il tradimento del marito con Alessia
    Spettacolo
    notizie.it

    Belen smentisce il tradimento del marito con Alessia

    Con una recente Storia su Instagram, Belen Rodriguez ha difeso la collega Alessia Marcuzzi dalle accuse di tradimento con il marito Stefano

  • Fase 3, tornano le vecchie abitudini ai bar
    Sport
    notizie.it

    Fase 3, tornano le vecchie abitudini ai bar

    Tornano finalmente le carte da gioco sui tavolini dei bar, i quotidiani e riviste dai parrucchieri e centri estetici.

  • Il conduttore torna a parlare della collega, in modo molto particolare
    Spettacolo
    notizie.it

    Il conduttore torna a parlare della collega, in modo molto particolare

    Giancarlo Magalli lancia una nuova frecciata ad Adriana Volpe.

  • Notizie
    Askanews

    Torino, trasportavano in taxi valigia con 50 Kg hashish arrestati

    Due uomini e una donna sono stati fermati durante un controllo

  • Politica
    Askanews

    Venezuela, Berlusconi: grave quanto accade, serve risposta comune

    Sarrebbe occasione di riscatto per Italia

  • Insulta la moglie e la colpisce con un piatto, arrestato
    Notizie
    Adnkronos

    Insulta la moglie e la colpisce con un piatto, arrestato

    Durante una lite con la moglie non l'ha solo insultata e minacciata ma l'ha anche colpita con un piatto. E' accaduto a Ostuni, in provincia di Brindisi, dove agenti del Commissariato hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia nei confronti della moglie. Il 78enne è stato posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione. Già a giugno i poliziotti erano intervenuti nella abitazione della coppia a seguito di una lite scaturita per vicende legate alla proprietà e ai diritti sull’immobile di residenza. All'esito delle indagini l'uomo venne deferito per il reato di maltrattamenti in famiglia ai danni della donna. Quest'ultima riferì agli investigatori di una serie di maltrattamenti che si protraevano da alcuni anni: offese, aggressioni fisiche e minacce.  La sera del 29 giugno i poliziotti intervennero nuovamente nella loro casa per ulteriori tensioni. Poi, l'epilogo, nella tarda serata del 7 luglio, quando dopo una segnalazione su una donna che chiedeva aiuto, gli agenti sono riusciti a rintracciare e raggiungere la vittima in una via del centro di Ostuni. Quest’ultima ha riferito di essere stata appena insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito e inseguita a piedi per le vie cittadine. La donna, dopo essere stata curata dai sanitari del Pronto Soccorso di Ostuni, ha denunciato il marito raccontando ulteriori episodi di violenza di cui era stata vittima nel tempo.