Air Italy: Regimenti (Fi), 'governo intervenga su dipendenti licenziati'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 gen. (Adnkronos) – "Il governo non può lasciare soli i 1.322 dipendenti che come 'regalo' di capodanno hanno ricevuto la lettera di licenziamento da parte di Air Italy. Se l'Europa ha stanziato per il nostro Paese quasi 200 miliardi di euro per salvare l'economia e proteggere i cittadini e le piccole e medie imprese, oggi siamo di fronte alla prima, concreta prova che il Pnrr svolgerà presto e bene i compiti per cui è stato creato: salvare i cittadini dal rischio di essere ridotti sul lastrico". Lo afferma l'eurodeputata di Forza Italia, Luisa Regimenti.

"Purtroppo, considerando come stavano andando i colloqui delle istituzioni con i soci di maggioranza di Air Italy, quanto è avvenuto – prosegue Regimenti – era altamente prevedibile. Probabilmente ci sarebbero stati gli strumenti per tutelare quelle centinaia di dipendenti che si sapeva sarebbero stati mandati a casa. Lo si poteva fare con una norma in deroga alla legge di Bilancio per estendere la cassa integrazione di un anno, proteggendo così le famiglie dei lavoratori e delle lavoratrici, lo si può fare ora dopo il grave sgarbo inflitto anche alle istituzioni, nelle figure del governo, della Sardegna e della Lombardia. Siamo certi – conclude l'eurodeputata – che l'esecutivo, da sempre sensibile e attento ai temi economici conseguenti alla pandemia e al futuro dei nostri cittadini, sarà coerente con se stesso e interverrà quanto prima per tutelare famiglie che rischiano di essere rovinate da una decisione ancor piu' devastante, perché arriva nel pieno di una crisi pandemica che sta devastando il Paese e i lavoratori, non solo sotto il profilo sanitario ma anche sotto quello economico".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli