Airbnb blocca gli affitti di case per le feste dopo gli omicidi di Halloween

Niente più party nelle case affittate sulla piattaforma Airbnb. Lo ha annunciato il ceo, Brian Chesky, dopo che in una sparatoria, la notte di Halloween, in una casa affittata in California, sono rimaste uccise 5 persone.

"Raddoppiamo i nostri sforzi per combattere le feste non autorizzate. Dobbiamo fare di meglio e lo faremo: quel che è accaduto è inaccettabile. Raddoppiamo i nostri sforzi per combattete i party non autorizzati", ha detto Chesky in una serie di 'tweet', spiegando che la società aumenterà lo screening manuale delle prenotazioni ad alto rischio, creando un team ristretto di persone dedito al tema e alle misure da prendere per chi contravviene le regole.

La sparatoria a Orinda, nella Bay Area di San Francisco, giovedì notte, è avvenuta in una casa affittata come sede di una festa di Halloween, pubblicizzata sui social network e alla quale si sono presentate un centinaio di persone.

Micheal Wang, il proprietario della casa, ha detto al San Francisco Chronicle che ha dato in affitto l'appartamento a una donna che gli aveva detto l'intenzione di fare una riunione di famiglia per una dozzina di persone.

Lo sceriffo del dipartimento ha detto che prima della sparatoria aveva ricevuto diverse telefonate di lamentela per i rumori che venivano da quella casa. Durante la sparatoria sono morte tre persone, mentre due sono decedute in ospedale.