Airbus: Nel terzo trimestre utile netto a 667 milioni (+65%)

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 ott. (askanews) - Numeri in crescita per Airbus nel terzo trimestre 2022. Nel periodo luglio-settembre, il colosso franco-tedesco ha registrato un utile netto pari a 667 milioni, in aumento del 65% rispetto all'analogo periodo del 2021. "Airbus ha realizzato una solida performance finanziaria nei nove mesi del 2022 in un contesto operativo complesso", ha dichiarato Guillaume Faury, Chief Executive Officer di Airbus. "La catena di approvvigionamento rimane fragile a causa dell'impatto cumulativo del Covid, della guerra in Ucraina, dei problemi di approvvigionamento energetico e delle restrizioni del mercato del lavoro. La nostra forte attenzione al flusso di cassa e l'ambiente favorevole del dollaro e dell'euro ci hanno permesso di aumentare la nostra previsione di flusso di cassa libero per il 2022. Gli obiettivi di consegna degli aerei commerciali e di guadagno sono stati mantenuti. I nostri team sono concentrati sulle nostre priorità chiave e, in particolare, sulla realizzazione del ramp-up degli aerei commerciali nei prossimi mesi e anni".

Gli ordini lordi di aeromobili commerciali sono aumentati a 856 (9 mesi 2021: 270 aeromobili) con ordini netti di 647 aeromobili dopo le cancellazioni (9 mesi 2021: 133 aeromobili). Il portafoglio ordini ammontava a 7.294 aeromobili commerciali alla fine di settembre 2022. Airbus Helicopters ha registrato 246 ordini netti (9 mesi 2021: 185 unità), con prenotazioni ben distribuite tra i vari programmi. Il valore degli ordini di Airbus Defence and Space è stato pari a 8 miliardi (9 mesi 2021: 10,1 miliardi di euro), con un rapporto ordini/fatture leggermente superiore a 1. L'acquisizione di ordini nel terzo trimestre 2022 ha riguardato principalmente i servizi del portafoglio della Divisione. I ricavi consolidati sono aumentati a 38,1 miliardi (9 mesi 2021: 35,2 miliardi). Sono stati consegnati 437 aeromobili commerciali (9 mesi 2021: 424 aeromobili), di cui 34 A220, 340 A320 Family, 21 A330 e 42 A350. I ricavi generati dalle attività di aeromobili commerciali di Airbus sono aumentati dell'8% rispetto all'anno precedente, riflettendo principalmente il maggior numero di consegne, compreso un mix favorevole e il rafforzamento del dollaro statunitense. Airbus Helicopters ha consegnato 193 unità (9m 2021: 194 unità), con un aumento dei ricavi del 9% che riflette principalmente la crescita dei servizi e un mix favorevole nei programmi. I ricavi di Airbus Defence and Space sono aumentati del 10%, grazie soprattutto al business dei velivoli militari e alla firma del contratto Eurodrone. Nei 9 mesi del 2022 sono stati consegnati sette aerei da trasporto A400M.

L'EBIT consolidato rettificato - una misura di performance alternativa e un indicatore chiave che cattura il margine di business sottostante escludendo oneri o profitti materiali causati da movimenti di accantonamenti relativi a programmi, ristrutturazioni o impatti sui cambi, nonché plusvalenze/perdite da cessioni e acquisizioni di attività - è aumentato leggermente a 3.481 milioni (9m 2021: 3.369 milioni).

L'EBIT rettificato relativo alle attività di aeromobili commerciali di Airbus è aumentato a 2.875 milioni (9 mesi 2021: 2.739 milioni). Include l'impatto positivo non ricorrente degli obblighi di pensionamento registrato nel 1° trimestre, in parte compensato dall'impatto delle sanzioni internazionali contro la Russia. Inoltre, riflette un tasso di copertura meno favorevole rispetto ai 9 mesi del 2021. L'EBIT rettificato di Airbus Helicopters è aumentato a 380 milioni (9m 2021: 314 milioni), in parte grazie alla crescita dei servizi e al mix favorevole dei programmi. Inoltre, riflette elementi non ricorrenti contabilizzati nel 1° trimestre, tra cui l'impatto positivo relativo agli obblighi di pensionamento.

L'EBIT rettificato di Airbus Defence and Space è stato pari a 231 milioni (9 mesi 2021: 284 milioni). Questa diminuzione riflette principalmente la svalutazione legata al ritardo del lanciatore Ariane 6, l'impatto dell'aumento dell'inflazione in alcuni contratti a lungo termine del portafoglio della Divisione e le conseguenze delle sanzioni internazionali, in parte compensate dall'impatto positivo legato agli obblighi di pensionamento contabilizzati nel 1° trimestre e a Eurodrone.

Per quanto riguarda il programma A400M, proseguono le attività di sviluppo per il raggiungimento della tabella di marcia riveduta delle capacità. Le attività di retrofit procedono in stretto allineamento con il cliente. Permangono rischi sulla qualificazione delle capacità tecniche e dei costi associati, sull'affidabilità operativa del velivolo, sulla riduzione dei costi e sull'ottenimento degli ordini di esportazione nei tempi previsti dalla nuova tabella di marcia.

Le spese consolidate di R&S autofinanziate sono state pari a 1.965 milioni di euro (9 mesi 2021: 1.919 milioni di euro). L'EBIT consolidato (riferito) è stato pari a 3.552 milioni di euro (9 mesi 2021: 3.437 milioni di euro), comprensivo di rettifiche nette per +71 milioni.

Il risultato finanziario è stato di -306 milioni (9 mesi 2021: -172 milioni). Il risultato finanziario è stato di -306 milioni (9m 2021: -172 milioni di euro) e riflette principalmente il risultato netto degli interessi, pari a -166 milioni, nonché l'impatto negativo della rivalutazione degli strumenti finanziari, in parte compensato dall'andamento del dollaro statunitense e dalla rivalutazione di alcune partecipazioni. L'utile netto consolidato(3) è stato di 2.568 milioni (9 mesi 2021: 2.635 milioni) con un utile consolidato per azione di 3,26 euro (9 mesi 2021: 3,36 euro).

Il free cash flow consolidato prima delle fusioni e acquisizioni e del finanziamento dei clienti è stato di 2.899 milioni (9 mesi 2021: 2.260 milioni di euro), riflettendo l'utile tradotto in contanti e sostenuto da un contesto valutario favorevole. Il free cash flow consolidato è stato di 2.502 milioni (9 mesi 2021: 2.308 milioni). Il dividendo del 2021 di 1,50 euro per azione, pari a 1,2 miliardi di euro, è stato pagato nel secondo trimestre del 2022, mentre i contributi pensionistici sono stati pari a 0,5 miliardi nei 9 mesi del 2022. Al 30 settembre 2022, la posizione di cassa lorda era di 22,5 miliardi di euro (fine 2021: 22,7 miliardi) con una posizione di cassa netta consolidata di 8 miliardi (fine 2021: 7,7 miliardi).

Come base per le previsioni per il 2022, conclude la nota, la società ipotizza che non vi siano ulteriori perturbazioni dell'economia mondiale, del traffico aereo, delle operazioni interne della Società e della sua capacità di fornire prodotti e servizi. Le previsioni per il 2022 sono al lordo delle fusioni e acquisizioni. Su questa base, l'azienda mantiene gli obiettivi di circa 700 consegne di aeromobili commerciali e di circa 5,5 miliardi di euro di EBIT rettificato nel 2022. L'azienda punta ora a circa 4,5 miliardi di euro di Free Cash Flow prima delle fusioni e acquisizioni e dei finanziamenti ai clienti nel 2022.