Aiuto maternità, ordine Avvocati di Roma dimezza quote iscrizione

Red/Nav

Roma, 17 gen. (askanews) - È possibile prestare sostegno alla famiglia e dare attuazione alle "pari opportunità" nei contesti di lavoro? Si, almeno per gli Avvocati di Roma. In questo spirito, gli Avvocati del Consiglio dell'Ordine hanno deliberato di dimezzare la quota annua d'iscrizione all'albo dovuta dalle Colleghe che partoriscano od adottino figli. Il vertice dell'Avvocatura romana ha così voluto venire incontro alle professioniste che sono impegnate sul fronte del lavoro proprio mentre affrontano la lieta esperienza della maternità.

Su proposta del Tesoriere Alessandro Graziani, è stata così deliberata una misura concreta, destinata a costituire manifestazione di encomiabile sensibilità - del resto già dimostrata all'inizio della consiliatura con l'istituzione del Comitato Pari Opportunità, che sta ben operando - in un momento in cui la crisi impone al mondo del lavoro di reagire con comportamenti concreti.

"Davvero un gesto simbolico - commenta il Presidente del COA Roma, l'avvocato Antonino Galletti - che però il Consiglio ha deliberato all'unanimità per dare un segnale che sia d'esempio, speriamo, a tutte le amministrazioni pubbliche".

"Venire incontro alla maternità delle Colleghe e sostenere tanto la famiglia che la natalità in genere - spiega il Tesoriere Graziani - significa manifestare sensibilità umana a chi vive un momento così importante della propria esistenza ed anche porre l'accento sul ruolo di vicinanza ai Colleghi che la nostra l'Istituzione deve interpretare. Del resto, l'obiettivo delle pari opportunità è quello di sconfiggere la disuguaglianza e, così facendo, il Consiglio dell'Ordine ha indubbiamente dimostrato concretamente un proprio ulteriore apporto".