Al Bano: ''Insulti Ghali a Salvini sembrano richiesta pubblicità deleteria''

·1 minuto per la lettura

''Insultare una persona pubblicamente non è leale e non lo condivido. Ha fatto bene Salvini a non cedere a quel tipo di provocazione''. Così Al Bano all'Adnkronos su quanto successo domenica sera allo stadio San Siro in tribuna vip durante il derby Milan-Inter quando il rapper Ghali, dopo il pareggio dei rossoneri, ha iniziato ad inveire contro il leader della Lega. ''Ghali è una bravissima persona - tiene a sottolineare il cantante - l’ho conosciuto perché me lo presentarono i miei figli ed è dotato di una grande umanità, ma ha sbagliato ad insultare Salvini allo stadio. Così sembra una richiesta di pubblicità che diventa deleteria'', conclude Al Bano.

(di Alisa Toaff)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli