Al G20 parla il ministro russo, Gentiloni, Yellen e il rappresentante ucraino lasciano la sala

·2 minuto per la lettura
Alexander Astafyev / Sputnik / Sputnik via AFP

AGI - Le tensioni tra l'Occidente e la Russia sul tavolo del G20: quando il ministro delle Finanze di Mosca, Anton Siluanov, ha iniziato a parlare in videocollegamento, secondo fonti Usa, Yellen ha lasciato la riunione, insieme al presidente della Federal Reserve Jerome H. Powell. Lo stesso ha fatto il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, i rappresentanti britannici, Chrystia Freeland, vice primo ministro del Canada, e - secondo altre fonti - anche Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea.

Sono invece rimasti il ministro dell'Economia italiano Daniele Franco così come i ministri di Germania e Spagna. L'Italia, come membro della Troika che è composta dal Paese che detiene la Presidenza, il suo predecessore e il suo successore, ha una responsabilità istituzionale che la vincola. Franco ha però chiesto e ottenuto che il ministro ucraino delle Finanze, Serhiy Marchenko, fosse presente alla riunione (ma non ha voluto restare quando ha preso la parola Siluanov)

Il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ha difeso la volontà di Berlino di partecipare a tutte le sessioni, comprese quelle a cui partecipano i funzionari russi. "Non daremo alla Russia una piattaforma per diffondere la sua propaganda e le sue bugie", ha affermato, assicurando che la Germania, che attualmente presiede il G7, la cui riunione è prevista per mercoledi' pomeriggio a Washington, sta cercando di ottenere "una reazione comune, in caso di partecipazione di rappresentanti russi alle riunioni del G20" senza dare ulteriori dettagli.

Il vice primo ministro canadese Chrystia Freeland ha scritto su Twitter che "la Russia non dovrebbe partecipare o essere inclusa in queste riunioni". Siluanov ha da parte sua esortato i colleghi a "non politicizzare" i lavori del Gruppo, perchè ciò potrebbe "pregiudicare la fiducia nel sistema monetario e finanziario globale".

Il ministro delle Finanze russo Anton Siluanov ha esortato i colleghi del G20 a "non politicizzare" i lavori del Gruppo, perchè ciò potrebbe "pregiudicare la fiducia nel sistema monetario e finanziario globale". Le dichiarazioni del ministro seguono alla decisione di diversi partecipanti di abbandonare i lavori al momento del suo intervento in videocollegamento.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli